Analisi
Piaggio: in calo i ricavi dei primi nove mesi 5 anni fa - lunedì 3 dicembre 2012
Piaggio chiude i primi nove mesi del 2012 con ricavi in calo rispetto allo stesso periodo del 2011.
Prezzo al momento dell'analisi (30/11/12): 1,90 EUR
Piaggio chiude i primi nove mesi del 2012 con ricavi in calo rispetto allo stesso periodo del 2011. Anche l’utile diminuisce, ma in misura minore, grazie al controllo dei costi. Persiste la crisi del mercato e il titolo è caro.
>Vendere
I ricavi di Piaggio nei primi nove mesi del 2012, pari a 3,09 euro per azione, sono in calo del 7,3% rispetto allo stesso periodo del 2011. L’utile netto cala del 4,2% a 0,12 euro per azione. Il mercato delle due ruote in Europa è diminuito del 12%, penalizzando le vendite del gruppo. Questo dato negativo è stato in parte compensato dalla crescita delle vendite nell’area asiatica (+15% sui primi nove mesi del 2011) e in America (+42%). Sul mercato vietnamita degli scooter la società sta guadagnando quote di mercato, così come procede bene la commercializzazione degli scooter Vespa in India (la vendita è iniziata a maggio). È il business dei veicoli commerciali a sentire di più gli effetti della crisi, registrando una pesante flessione in tutti i mercati (-36% in Italia, -11,5% in Europa e -2,8% sul mercato indiano). La società, per difendere la propria redditività, ha concentrato molti sforzi sul contenimento dei costi (le spese operative sono in calo dell’8%). Lo scenario economico sembra, però, evolversi in un clima via via più complesso e difficile. Stimiamo un utile per azione di 0,13 euro sia per il 2012, sia per l’anno successivo. Alla luce di queste previsioni, a nostro parere, il titolo rimane ancora caro.

condividi questo articolo