Analisi
Mediobanca: novità nel patto di sindacato 4 anni fa - venerdì 20 settembre 2013
I movimenti sul patto di sindacato hanno ridato un po’ di vita al titolo Mediobanca. Questo non basta a recuperare il ritardo sul settore bancario europeo e i conti, ancora in rosso per via delle svalutazioni, peseranno sull’evoluzione del titolo.

Prezzo al momento dell’analisi (19/9/2013): 5,31 euro

Consiglio: vendi

I movimenti sul patto di sindacato hanno ridato un po’ di vita al titolo Mediobanca. Questo non basta a recuperare il ritardo sul settore bancario europeo e i conti, ancora in rosso per via delle svalutazioni, peseranno sull’evoluzione del titolo.

Momento di svolta, con importanti novità nel patto di sindacato (l’accordo che regola i rapporti tra i soci). La prima è l’uscita “forzata” dal patto di Unipol-FonSai dopo le richieste Antitrust. Ma potrebbe uscire anche Generali, segno dei mutati rapporti tra le due società; la stessa Mediobanca, d’altronde, vuol scendere dal 13% al 10% in Generali. Se Generali, pur “limata”, resta irrinunciabile, le altre quote storiche non son più intoccabili: il gruppo si sta orientando sull’attività di credito, anziché far da “cassaforte” di partecipazioni. Ma intanto queste quote pesano sui conti: il 2012/2013 si chiude con perdite di 0,21 euro per azione, costringendo ad azzerare il dividendo, a causa delle svalutazioni per 0,48 euro per azione (soprattutto per Telco). Riduciamo le stime sugli utili per azione a 0,16 euro nel 2013/2014 e 0,28 euro nel 2014/2015.

condividi questo articolo