Analisi
A febbraio Fiat perde quote di mercato in Europa 4 anni fa - martedì 18 marzo 2014
Quali sono le conseguenze sul titolo?
Sono aumentate dell’8%, rispetto a febbraio 2013, le immatricolazioni di nuove auto in Europa a febbraio di quest’anno. Se si considerano i volumi di auto effettivamente vendute, però, si scopre che il mese di febbraio 2014 è il peggiore, per numero di autovetture, dal 2003 a oggi. In crescita le immatricolazioni di nuove auto in quasi tutti i Paesi, Italia compresa (+8,6% lo scorso mese). Nel Bel Paese Fiat ha visto aumentare le immatricolazioni di nuove auto del 5,6% a febbraio, crescita che, misurata sui primi due mesi del 2014 si è ridotta all’1,6%. Il gruppo ha perso quote di mercato in Europa, passando dal 6,9% di febbraio 2013 al 6,7% di febbraio 2014, confermando che sono diventati gli Stati Uniti il mercato più importante per il gruppo. In attesa dei prossimi passi verso la fusione tra Fiat e Chrysler e della successiva quotazione del titolo a New York, gli ultimi dati sulle immatricolazioni, non particolarmente positivi per Fiat, non ci inducono a cambiare il nostro giudizio sul titolo. Chi possiede azioni Fiat (7,97 euro), le venda.

condividi questo articolo