Analisi
Pearson: difficoltà negli Usa 4 anni fa - venerdì 7 marzo 2014
La britannica Pearson continua ad accusare il rallentamento del mercato americano. Secondo noi, però, si tratta solo di problemi passeggeri e le sue prospettive a lungo termine restano intatte.
Prezzo al momento dell'analisi (06/03/2014): 1033 pence
Nonostante la recente correzione, ai prezzi attuali l’azione resta correttamente valutata.
Consiglio: mantieni
Pearson (Isin GB00B8C3BLO3) continua ad accusare il rallentamento del mercato dell’editoria scolastica negli Usa. Questa frenata è imputabile al calo sia degli aiuti pubblici (restrizioni nel bilancio statale) sia delle iscrizioni nelle scuole. Per reagire è stato lanciato un piano di ristrutturazione. Nonostante i risparmi previsti, il management continua, tuttavia, a stimare una contrazione dei risultati anche nel 2014. Secondo noi, però, in seguito la situazione dovrebbe migliorare. Nel 2015 ci aspettiamo che si allentino le pressioni congiunturali sull’editoria negli Usa, il principale sbocco per gruppo. Inoltre, gli investimenti realizzati nel digitale e il rafforzamento nei Paesi emergenti (Brasile) dovrebbero cominciare a dare frutti. Del resto il management, mostrandosi fiducioso sulle prospettive a lungo termine, ha aumentato del 7% il dividendo (a 48 pence per azione); un ottimismo che condividiamo. Mantieni quest’azione correttamente valutata.

condividi questo articolo