Analisi
GlaxoSmithKline: le incertezze aumentano 4 anni fa - giovedì 24 luglio 2014
I risultati del secondo trimestre sono deludenti e il management ha abbassato le previsioni per l’intero anno.
Prezzo al momento dell'analisi (23/07/2014): 1481,50 pence
Nonostante il titolo abbia perso il 5% in Borsa all’annuncio dei risultati trimestrali, visto l’incerto contesto attuale, non è il caso di acquistarlo. Limitati a mantenerlo.
Nel 2° trimestre GlaxoSmithKline (Isin GB0009252882) ha registrato un calo dell’8% nelle vendite (senza effetti di cambio) e del 37% nell’utile per azione. Il gruppo ha accusato la sterlina forte, il minore successo dei suoi prodotti per curare i problemi respiratori (-12% le vendite negli Usa dell’Advair) e le disavventure in Cina (-25% le vendite). Certo il gruppo ha lanciato dei nuovi prodotti in campo respiratorio, come Breo e Anoro, ma non basta a compensare il crollo delle vendite dell’Advair. Visti questi risultati deludenti, non sorprende che GlaxoSmithKline abbia ridotto le previsioni per il 2014. Anche noi, quindi, abbassiamo le nostre stime sull’utile per azione da 92 a 78 pence per il 2014 e da 96 a 79 pence per il 2015. Tuttavia, in linea con le attese, il dividendo per il 2° trimestre è cresciuto del 6%. In cambio, quest’anno gli acquisti di azioni proprie saranno molto limitati e non, come inizialmente previsto dal management, compresi tra 1 e 2 miliardi di sterline. Viste le difficoltà del gruppo, anche il dividendo rischia, secondo noi, di avere un’evoluzione più incerta nei prossimi mesi.

condividi questo articolo