Analisi
Sanofi: titolo in tensione 3 anni fa - venerdì 31 ottobre 2014
L’uscita del direttore generale, che aveva rilanciato il gruppo, e i problemi nel settore della cura al diabete hanno fatto crollare il titolo.
Prezzo al momento dell'analisi (30/10/2014): 71,91 euro
Da fine 2008, quando l’ex direttore generale è entrato in carica, l’azione ha comunque guadagnato oltre il 50% ed è ancora correttamente valutata.
Consiglio: mantieni
Nel 3° trimestre le vendite dell’in­sulina Lantus hanno rallentato la corsa (+8% senza effetti di cambio dal +16% del 2° trimestre). In questo contesto, viste anche le pressioni sui prezzi di vendita negli Usa, Sanofi (Isin FR0000120578) ha già messo le mani avanti prevedendo per la divisione diabete vendite stabili anche nel 2015 nonostante l’atteso lancio della sua insulina Toujeo. Con l’arrivo di un biosimilare del Lantus nel 2015 in Europa e nel 2016 negli Usa, questa divisione rischia, in effetti, di non essere più il suo motore della crescita. Riduciamo le stime sul­l’utile per azione da 3,3 a 3,2 euro nel 2014 e da 3,6 a 3,35 euro nel 2015. Sanofi potrà comunque continuare a contare sui vaccini, sui farmaci su prescrizione, sulla salute animale e sul Genzyme (biotecnologie), tutte attività che hanno realizzato vendite in crescita di oltre il 10% nel 3° trimestre.

condividi questo articolo