Analisi
FCA, ghiotti guadagni per i manager 3 anni fa - mercoledì 5 novembre 2014
Il prezzo del titolo sale in Borsa e ne approfittano per esercitare le stock option
Il titolo FCA (8,77 euro) ha compiuto un balzo in Borsa in seguito all’annuncio del futuro scorporo di Ferrari da Fiat Chrysler Automobiles. È bastata la dichiarazione dell’intento da parte del management per far schizzare la quotazione del titolo sul mercato, che, nel giro di poche ore è passato da 7,3 euro agli oltre 8,9 euro di lunedì scorso (in seguito il titolo ha iniziato a ripiegare, perdendo un po’ di terreno). Un momento favorevole, dunque, anche per il management Fiat, che ha approfittato del rialzo del 13% circa del titolo in Borsa per vendere sul mercato le azioni, esercitando in blocco le proprie stock option (possono essere considerate una integrazione alla retribuzione dei manager di un’azienda e consistono nella possibilità di acquistare o vendere sul mercato i titoli azionari di un’azienda a un determinato prezzo) ricevute nel 2004 e nel 2006. In pratica, sono state compiute operazioni di acquisto di titoli FCA e CHN industrial a prezzi decisamente inferiori a quelli di mercato, subito rivenduti in Borsa a prezzi più alti. Secondo indiscrezioni di mercato, si tratterebbe di un guadagno di 89 milioni di euro per il management FCA. Della notizia della possibile futura quotazione di Ferrari, dunque, non ha beneficiato solo il titolo FCA, ma anche il suo amministratore delegato. Della natura dell’operazione di quotazione, per il momento, non si sa molto, così come la tempistica resta da definire. Soltanto la valutazione di quanto potrà valere il Cavallino rampante, una volta sul mercato, è stata annunciata. Si parla di 10 miliardi di euro circa. È verosimile? Nel prossimo numero di Altroconsumo Finanza troverai un articolo in cui analizziamo quanto potrebbe valere, secondo noi, la Ferrari una volta sbarcata sul mercato.

condividi questo articolo