Analisi
BBVA: le prospettive stanno cambiando 3 anni fa - venerdì 23 gennaio 2015
I guadagni sulla vendita di una parte della sua partecipazione in China CITIC Bank aiuteranno la banca spagnola ad affrontare un anno difficile.
Prezzo al momento dell'analisi (22/01/2015): 7,98 euro
Dopo i cali degli ultimi mesi, l’azione non è più cara, ma è ormai diventata correttamente valutata. Il nostro consiglio, quindi, cambia. Mantieni.
BBVA (Isin ES0113211835) ha cominciato bene l’anno. La vendita del 4,9% del capitale di China CITIC Bank le ha procurato un guadagno netto di circa 400 milioni di euro (circa 0,06 euro per azione) e il resto della partecipazione ancora nelle sue mani (4,9% del capitale) costituisce una riserva importante cui la banca spagnola potrebbe sempre attingere, se necessario. L’operazione attuale arriva al momento opportuno per BBVA. In seguito alle misure annunciate dalla Bce (la Banca centrale europea) i tassi d’interesse della zona euro resteranno, infatti, ai minimi storici per un certo lasso di tempo, il che rischia di mantenere sotto pressione i margini delle banche europee. BBVA può contare, però, sulla sua forte presenza all’estero, un vantaggio non trascurabile nel contesto attuale. Il Messico, dove oggi realizza circa il 40% degli utili, rappresenta la sua principale risorsa. Tenendo conto di tutto questo, prevediamo per il 2015 un utile per azione di 0,60 euro, in netta crescita rispetto agli 0,44 euro stimati per il 2014 (pubblicazione dei risultati definitivi il 4 febbraio). In base alle nostre stime, ai prezzi attuali il titolo ci sembra correttamente valutato. Se hai ancora il titolo in portafoglio, mantienilo.

condividi questo articolo