Analisi
Deutsche Telekom: obiettivi troppo ambiziosi 3 anni fa - lunedì 13 aprile 2015
La ripresa della controllata americana e l’annuncio della cessione di EE, società britannica in comune con Orange, hanno “dopato” il titolo, che ha staccato l’indice mondiale delle telecom. Un divario che non ci sembra giustificato

Prezzo al momento dell'analisi (10/04/2015): 17,43 euro

La ripresa della controllata americana e l’annuncio della cessione di EE, società britannica in comune con Orange, hanno “dopato” il titolo, che ha staccato l’indice mondiale delle telecom. Un divario che non ci sembra giustificato. Azione cara.
Consiglio: vendi
Ultimamente Deutsche Telekom (Isin DE0005557508) ha beneficiato della ripresa di T-Mobile Usa (36% del fatturato) che, grazie al taglio delle tariffe, ha riconquistato molti clienti nel ramo mobile. Ciò nonostante, una sua cessione ci sembra ancora la scelta migliore (quota di mercato sotto il 10%, redditività inferiore a AT&T e Verizon). L’uscita dal mercato Usa, associata alla vendita di EE, consentirebbe, infatti, al gruppo di avere più risorse per poter diventare il leader del settore telecom in Europa (prevedibili acquisizioni in Germania e Est europeo). L’obiettivo di realizzare, dopo una certa ripresa nel 2015, una crescita media annua tra il 2% e il 4% dell’utile industriale per raggiungere un utile per azione di 1 euro nel 2018 ci sembra, comunque, troppo ambizioso. Stimiamo utili per azione di 0,55 euro nel 2015 e 0,62 nel 2016.

condividi questo articolo