Analisi
Exelon: vira verso la distribuzione di energia 3 anni fa - venerdì 22 maggio 2015
La crisi economica e il calo dei prezzi dell’energia elettrica hanno condizionato l’andamento di Exelon. Il gruppo sta, però, cercando di reagire riorganizzando le sue attività. Dopo i conti del primo trimestre, confermiamo la valutazione.
Prezzo al momento dell'analisi (21/05/15): 34,46 USD
Consiglio: Mantieni


Exelon (Isin US30161N1019) ha chiuso il primo trimestre 2015 con un utile per azione di 0,8 dollari. È un valore superiore alle nostre attese, ma che non ci porta a modificare le nostre stime complessive per il 2015 (utile di 2,24 dollari per azione): dopo la risalita di febbraio, i prezzi dell’energia elettrica sono tornati a scendere. Questo peserà sulle attività di produzione di energia, da cui dipende ancora il 50% del giro di affari di Exelon. La società sta, però, allargandosi alle attività di distribuzione di energia – hanno tariffe più stabili – e l’acquisto di Pepco va in questo senso. Exelon potrebbe, inoltre, beneficiare delle nuove regole tariffarie che puntano a premiare chi è in grado di reagire meglio agli sbalzi della domanda – con le sue centrali nucleari è più flessibile di altre società, soprattutto di quelle che operano con vento, sole…

condividi questo articolo