Analisi
Reckitt Benckiser: solidi risultati 2 anni fa - lunedì 22 febbraio 2016
Anche se il momento per l’economia resta difficile, Reckitt ha messo a segno solidi risultati annuali, che sono stati apprezzati dal mercato. Alziamo le stime sull’utile per azione 2016 (a 257 pence) e 2017 (a 270 pence).
Prezzo al momento dell'analisi (19/02/16): 6.556 pence
Consiglio: Mantieni


In linea con le attese, nel 2015 le vendite di Reckitt Benckiser (Isin GB00B24CGK77) sono cresciute del 6% (cessioni/acquisizioni e effetti di cambio esclusi). L’utile per azione è sceso a 244,4 pence, ma di fatto è solo a causa dello scorporo dei farmaci su prescrizione – al netto dell’operazione sarebbe salito del 6%. Il gruppo ha beneficiato soprattutto del buon andamento dei prodotti sanitari da banco, in particolare dei prodotti innovativi di solidi marchi come Scholl o Durex. Altra bella notizia: nonostante la scissione, il dividendo per il 2015 è stabile rispetto al 2014. Per il 2016, anche se il contesto resta difficile, il management ha anticipato una crescita delle vendite tra il 4% e il 5% (senza effetti di cambio e cessioni/acquisizioni) e un leggero miglioramento della redditività industriale grazie agli sforzi per aumentare la produttività.

condividi questo articolo