Analisi
Ferrari: aiutata dai nuovi modelli 2 anni fa - lunedì 9 maggio 2016
Dopo il forte calo nel primo mese di quotazione, Ferrari ha saputo recuperare terreno sul listino milanese, e ha così eliminato il ritardo nei confronti di quest’ultimo.
Prezzo al momento dell'analisi (06/05/16): 38 EUR
Consiglio: Vendi


Il primo trimestre in casa Ferrari si chiude con risultati in crescita rispetto al 2015. Il fatturato è salito dell’8,8%, beneficiando anche del lancio di nuovi modelli (488, 488 Spider e F12). Ancora meglio hanno fatto l’utile industriale (+26%) e quello netto (+19% a 0,41 euro per azione). Per quanto riguarda i debiti – su Ferrari ne sono stati scaricati 2 miliardi di euro da parte di FCA al momento della separazione – il miglioramento della redditività del primo trimestre si è riflesso positivamente: l’indebitamento netto della società è sceso, seppur di poco (-2%). Considerando l’intero 2016, Ferrari ha aumentato le stime sul fatturato (ora si attende circa un +9%) e migliorato la stima sul debito. Noi confermiamo le nostre stime di utili per azione pari a 1,66 euro nel 2016 e 1,97 euro nel 2017. Alle attuali quotazioni il titolo è caro.

condividi questo articolo