Analisi
BCP: passo falso del titolo un anno fa - giovedì 22 dicembre 2016
La vendita della partecipazione del Banco Sabadell, uno dei maggiori azionisti di BCP, ha pesato sul titolo.

Prezzo al momento dell'analisi (21/12/2016): 1,11 euro

Nonostante il crollo, l’azione è ancora correttamente valutata.
Consiglio: mantieni
La vendita, destinata a investitori istituzionali, del 4,1% del capitale di BCP (Isin PTBCP0AM0015) detenuto da Banco Sabadell, a un prezzo di 1,15 euro per azione ha pesato fortemente sul titolo. È vero che si tratta di un prezzo superiore del 3,7% rispetto a quello delle azioni emesse da BCP lo scorso novembre nel quadro dell’aumento di capitale riservato alla cinese Fosun, oggi primo azionista della banca con il 16,7% del capitale; si tratta però di uno sconto del 10,9% rispetto al prezzo di Borsa il giorno prima dell’annuncio – da qui, la penalizzazione subita sul mercato. Considerando, inoltre, l’ipotesi che, in una seconda fase, Fosun porti al 20-30% la sua partecipazione in BCP, l’assemblea degli azionisti ha già approvato l’aumento del tetto dei diritti di voto, che passa dal 20 al 30%. Fosun non è l’unica che mira a rafforzarsi in BCP: la società petrolifera angolana Sonangol (14,9% del capitale) ha già richiesto alle autorità di controllo il via libera per aumentare la sua partecipazione nella banca portoghese. Mantieni questa azione correttamente valutata.

condividi questo articolo