Analisi
Pearson: avvertimento sui risultati un anno fa - giovedì 19 gennaio 2017
Ieri l’avvertimento sui risultati 2017 e l’annuncio di un taglio del dividendo dal 2017 hanno fatto sprofondare il titolo di oltre il 25% sulla Borsa di Londra.
Riduciamo drasticamente le stime sugli utili 2017 e 2018 e cambiamo il consiglio da acquistare a mantenere.
Contro tutte le attese, Pearson (Isin GB0006776081) ha abbandonato i suoi obiettivi di redditività per il 2017 e 2018. Il motivo? Nel 4° trimestre le attività legate alle edizioni scolastiche negli Usa hanno registrato un calo senza precedenti. Per questo, ora Pearson si aspetta che i ricavi restino sotto pressione anche nei prossimi trimestri. Il gruppo paga anche il ritardo nella transizione delle attività verso il digitale e ora conta di prendere delle misure drastiche per accelerarla. In più, per salvaguardare la solidità finanziaria, cederà la partecipazione in Penguin Random House (parte dei proventi dovrebbero essere distribuiti agli azionisti) e taglierà il dividendo (secondo le nostre stime, a 20 pence a valere sui conti 2017). Tenendo conto di tutto ciò, abbassiamo le stime sul­l’utile per azione 2017 (da 40 a 25 pence) e 2018 (da 55 a 30 pence).

condividi questo articolo