Analisi
BP: aumenta la liquidità generata dalle attività 11 mesi fa - lunedì 11 settembre 2017

BP cerca di aumentare la liquidità generata dalle sue attività per ridurre il debito e salvaguardare il dividendo. La situazione migliora, ma il titolo continua a dipendere dalle oscillazioni dei prezzi del greggio.

Prezzo al momento dell'analisi (08/09/17): 446,1 pence
Consiglio: Mantieni

 

Nel 2° trimestre, grazie alle attività di produzione di idrocarburi (+10%), la liquidità generata da BP (Isin GB0007980591) ha raggiunto circa 7 miliardi di dollari (contro i 4,4 miliardi del 1° trimestre). È un risultato molto soddisfacente; tuttavia, tenendo conto di un nuovo pagamento di 2 miliardi di dollari per la catastrofe del Golfo del Messico, degli investimenti (4 miliardi) e del dividendo (1,5 miliardi), il debito è comunque aumentato, avvicinandosi ai massimi prefissati. In ogni caso, secondo i vertici, i risarcimenti per il disastro del Golfo del Messico dovrebbero diminuire molto e gli investimenti dovrebbero orientarsi verso il basso. La liquidità dovrebbe, così, migliorare – vigileremo nei prossimi trimestri. Apprezziamo che BP abbia ribadito l’impegno a controllare i costi. Così facendo potrà, infatti, difendere la sua redditività anche con prezzi del petrolio in calo.

condividi questo articolo