Analisi
GlaxoSmithKline: ristrutturazione 10 mesi fa - lunedì 9 ottobre 2017

I nuovi vertici hanno preso delle misure per rendere più produttive le attività di ricerca, ma ci vorrà un po’ prima che producano frutti.

Prezzo al momento dell'analisi (06/10/17): 1.528,50 pence
Consiglio:Mantieni

 

Per rilanciare la crescita, GlaxoSmithKline (Isin GB0009252882) ha cancellato 30 programmi di ricerca, decidendo di destinare l’80% dei fondi a soli 4 campi terapeutici: malattie respiratorie, malattie infettive, malattie immuno-infiammatorie e oncologia. È una decisione che sorprende un po’, considerando che nel 2015 aveva scambiato il suo portafoglio di farmaci oncologici per quello dei vaccini di Novartis. Verranno, poi, ceduti circa 130 prodotti (un po’ invecchiati) e potrebbe anche essere ceduta la divisione malattie rare. Da qui al 2020 sono previsti, inoltre, nuovi risparmi annui di costi per 21 pence per azione. Gli obiettivi a medio termine, comunque, non sono stati rialzati, segno che queste misure non avranno effetti immediati. Per il 2017 il gruppo riduce le stime sull’utile per azione (costi per il lancio di un nuovo prodotto contro l’Aids), ma conferma i dividendi.

condividi questo articolo