Analisi
AT&T e Time Warner: in attesa del verdetto del tribunale 4 mesi fa - venerdì 23 febbraio 2018
Sia AT&T sia Time Warner hanno pubblicato dei risultati trimestrali solidi, che dimostrano la loro capacità di “sopravvivere” anche da soli.

In attesa che il prossimo 19 marzo il tribunale Usa si pronunci sulle loro sorti, mantieni entrambi i titoli.

Il prossimo 19 marzo si conoscerà il verdetto del tribunale che stabilirà se l’opposizione delle autorità americane che regolano la concorrenza all’acquisizione di Time Warner da parte di AT&T è giustificata. Nell’attesa, ti consigliamo di mantenere entrambi i titoli.

Se sei un azionista di Time Warner (94,37 USD; Isin US8873173038) ti sconsigliamo di speculare sull’offerta (107,5 Usd per azione, il 50% in contanti e il 50% in azioni AT&T). È vero che continuiamo a ritenere probabile che alla fine l’offerta si concretizzi, ma c’è il rischio reale che, a breve termine, il titolo crolli se l’operazione non dovesse andare in porto. Certo le prospettive a lungo termine restano positive: il gruppo è perfettamente in grado di continuare la sua avventura anche da solo, come dimostrano gli ultimi risultati pubblicati. Nel 4° trimestre, grazie alla sua abilità di controllare i costi e di gestire al meglio la digitalizzazione del settore, Time Warner è riuscita ad aumentare il fatturato del 9,1%, più del previsto, e l’utile per azione di ben il 12,8%. Il titolo è quindi da mantenere, a prescindere dal verdetto del tribunale.

Se invece sei un azionista di AT&T (36,47 USD; Isin US00206R1023), per te la situazione è più complessa. A seconda dell’esito del processo, il nostro consiglio sul titolo potrebbe cambiare. Se il progetto di acquisire Time Warner – un’operazione che non ci convince e che farebbe aumentare nettamente il debito del gruppo – dovesse venir respinto dal tribunale, ai prezzi attuali di Borsa del titolo potremmo anche rivedere il nostro giudizio su AT&T e tornare a consigliartene l’acquisto. Nel frattempo, mantienilo.

condividi questo articolo