Anheuser - Busch InBev BE0974293251

Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
104,05 EUR 26/04/2017 09:36 Bruxelles
-0,45 EUR (-0,43 %) Variazione dall'ultima chiusura
93,76 118,80  52 settimane min max
-6,00 % Rendimento a 1 anno
2,43 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli

Contenuto premium

I consigli dei nostri esperti e le nostre valutazioni di rischio sono riservati agli abbonati. Desideri accedere?

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi

    AB Inbev: cede alcuni marchi

    4 mesi fa - giovedì 15 dicembre 2016
    Come atteso, il colosso della birra Ab Inbev alleggerisce il suo portafoglio di marchi.
     
     
     
     

    Il parere dei nostri esperti e le nostre valutazioni del rischio sono solo per gli abbonati. Vuoi accedere?

    Voglio accedere a questo contenuto!
  • Analisi

    AB InBev: fatica a rilanciarsi

    5 mesi fa - giovedì 10 novembre 2016
    AB Inbev fatica a rilanciare la crescita e la redditività ne soffre.

    Prezzo al momento dell'analisi (09/11/2016): 102,70 euro

    Con l’acquisizione di SABMiller, perfezio­nata lo scorso 10 ottobre, si apre un capitolo che sarà cruciale per l’evolu­zione degli utili. La prudenza, però, s’impone, tanto più che ai prezzi attuali l’azione è cara.
    Consiglio: vendi
    Nel 3° trimestre il fatturato di AB InBev (Isin BE0974293251) è sa­lito solo del 2,8% (-0,9% i volumi di vendita). Il Brasile (-6,8%) e gli Usa (erosione delle quote di mercato della Bud Light) hanno deluso ancora e il margine industriale (rapporto tra utili industriali e fatturato) è sceso al 27,7% a causa dell’aumento dei costi, soprattutto commerciali, e dei tassi di cambio sfavorevoli. L’utile per azione, invece, è crollato di quasi il 60% a causa dei costi di finanziamento dell’acquisizione di SABMiller. Con l’integrazione di SABMiller, il Brasile e gli Usa incideranno meno sui risultati, che dipenderanno di più dal­l’Africa e da altri Paesi emergenti. I costi resteranno, comunque, elevati, le sinergie non sono scontate e il dividendo potrebbe essere tagliato per ridurre il debito. Abbassiamo le stime sull’utile per azione della nuova entità a 3,8 euro nel 2016 e 4,4 euro nel 2017.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    AB InBev: vicina la fusione con SabMiller

    7 mesi fa - venerdì 30 settembre 2016
    Ottenuto anche il via libera degli azionisti di minoranza di SabMiller, la fusione tra il colosso AB InBev e il gruppo britannico è in dirittura di arrivo.

    Prezzo al momento dell'analisi (29/09/2016): 116,65 euro

    Ai prezzi attuali, l’azione resta cara.

    Consiglio: vendi

    La fusione tra AB InBev (Isin BE0003793107) e SabMiller sta per andare in porto: il suo perfezionamento è atteso il prossimo 10 ottobre. Considerando le sinergie attese, continuiamo, comunque, a ritenere che AB InBev paghi un prezzo eccessivo per il gruppo britannico. Gli azionisti di SabMiller potranno, infatti, scegliere tra un pagamento in contanti di ben 45 sterline per azione e una formula, in contanti e azioni, che è finanziariamente ancora più favorevole. Chi sceglie questa seconda possibilità dovrà, però, mantenere per almeno 5 anni le nuove azioni ricevute. Se dovessi avere azioni SabMiller, scegli il pagamento in contanti. Su AB Inbev il nostro consiglio non cambia: vendi questa azione cara.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    AB Inbev+SABMiller: cosa succede?

    9 mesi fa - giovedì 28 luglio 2016
    Dall’annuncio dell’acquisto (finalmente a titolo amichevole), avvenuto lo scorso ottobre, di SABMiller da parte di AB Inbev, i due gruppi stanno cooperando per preparare la loro integrazione
    Prezzo al momento dell'analisi (28 luglio 2016): 113,10 euro
    Consiglio: vendi
    ISIN: BE0003793107
    Dall’annuncio dell’acquisto (finalmente a titolo amichevole), avvenuto lo scorso ottobre, di SABMiller da parte di AB Inbev, i due gruppi stanno cooperando per preparare la loro integrazione.. Per finalizzare l’operazione manca solo l’accordo delle autorità antitrust cinesi e l’avallo degli azionisti di SABMiller. Ma la Brexit, che ha provocato una sensibile caduta della sterlina, si è autoinvitata in questa storia. Mentre il controvalore totale dell’offerta (che prevedeva un’opzione in contanti o una mista fra contanti e titoli) è variato solo in minima parte (ha sorpassato di poco i 100 miliardi di dollari), gli azionisti che hanno scelto l’offerta in contanti (inizialmente pari a 44 sterline per azione) si sono lamentati della perdita di valore della sterlina (-14% rispetto al dollaro dalla firma dell’accordo). AB Inbev ha aumentato di 1 sterlina per azione la sua offerta, e alcuni sono pronti ad accettarla. Teoricamente potrebbero sempre optare per l’offerta «contanti+azioni», finanziariamente più favorevole (anche se la parte in contanti dell’offerta deve comunque essere rialzata), ma questa opzione li obbligherebbe a rimanere azionisti del nuovo gruppo per almeno cinque anni. Il consiglio di amministrazione di SABMiller consulterà nuovamente gli azionisti prima di esprimere un’opinione su questa nuova offerta. Nel frattempo ha deciso di sospendere la collaborazione fra i due gruppi. Attualmente sembra, in ogni caso, che la fusione vada in porto. I due maggiori azionisti di SABMiller (Altria e la famiglia Santo Domingo, proprietari complessivamente del 42% del capitale), per i quali era stata ideata l’offerta «contanti+azioni», dovrebbero rimanere favorevoli. Alcuni fra gli altri azionisti potrebbero preferire la formula «contanti+azioni». Gli altri azionisti dovrebbero pesare bene i rischi finanziari derivanti dal fallimento della fusione. Non dobbiamo dimenticare che AB Inbev ha pagato un premio di quasi il 50% rispetto al prezzo reale del titolo SABMiller al momento dell’annuncio della fusione. La nostra posizione non cambia. Se la fusione andrà in porto siamo ancora convinti che il prezzo pagato da AB Inbev sia troppo elevato (anche considerando la perdita di valore della sterlina), rispetto alle sinergie attese. Mentre, se la fusione non dovesse realizzarsi pensiamo che AB Inbev non potrà contare che su debolissime prospettive di crescita sui principali mercati (Stati Uniti e Brasile) mentre i suoi margini restano elevati. Vendi AB Inbev.  

    condividi questo articolo

  • Analisi

    AB InBev: ricavi in crescita

    un anno fa - lunedì 7 marzo 2016
    Gonfiati dal dollaro forte, i risultati 2015 sembrano rassicuranti, ma il gruppo è ancora in difficoltà sui suoi due mercati principali (Usa e Brasile).
    Prezzo al momento dell'analisi (04/03/16): 105,95 EUR
    Consiglio: Vendi


    Nel 2015 il fatturato di AB InBev (Isin BE0003793107) è cresciuto del 6,3% e l’utile per azione del 7,1% (a 4,545 euro). Sono risultati brillanti, ma determinati dal dollaro forte: dietro l’apparenza si nasconde la persistente debolezza dei suoi due mercati principali. Negli Usa il fatturato è in calo (-0,7%) e i marchi Budweiser e Bud Light perdono quote di mercato. In Brasile la profonda crisi economica pesa sui volumi di vendita (-2,7%). La fusione con la statunitense SabMiller (in attesa del via libera da parte delle autorità di controllo) potrebbe rilanciare le vendite, specialmente su mercati come quello africano, ma dubitiamo che possa risolvere tutti i problemi del gruppo. Il dividendo per il 2015 è stato alzato più del previsto, ma visto il debito elevato (per finanziare l’acquisto di SabMiller) temiamo che questo non si ripeta nei prossimi anni.

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 118,80 EUR
Minimo degli ultimi 12 mesi 93,76 EUR
ISIN BE0974293251
Borsa Bruxelles
Beta 1,13
Volatilità 19,80 %
Numero di azioni 1.693.242.156
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 175,84 EUR
Settore Alimentari e bevande
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 165.854 EUR
Punteggio corporate governance 5

Indici chiave per azione (EUR)

2017 (e) 2016 (e) 2015 2014
Dividendo 2,52 2,57 2,66 1,69
Utile corrente 4,25 0,65 4,55 4,25
Utile netto 4,25 0,65 4,55 4,25
Cash Flow corrente 6,05 2,25 6,01 5,50
Cash Flow netto 6,05 2,25 6,01 5,50
EBIT 8,60 6,78 7,65 6,96
EBITDA 10,65 8,61 9,38 8,51
Patrimonio netto 35,55 34,89 22,11 23,77
Patrimonio netto tangibile -37,05 -37,71 -15,18 -12,58

Rendimento in euro

Anheuser - Busch InBev Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi 5,30 % 6,68 % 3,10 %
Rendimento ultimi 6 mesi -8,40 % 12,15 % 10,59 %
Rendimento ultimo anno -6,00 % 10,80 % 17,47 %
Rendimento ultimi 5 anni 16,00 % 8,70 % 16,03 %

Indici finanziari della società

2015 2014
Pay out - - 43,01 % 40,25 %
Current ratio - - 0,64 0,68
ROE - - 21,44 % 19,92 %
ROE netto - - 21,44 % 19,92 %
Margine lordo - - 61,61 % 61,29 %
Margine netto - - 22,10 % 23,33 %
EBIT margin - - 31,15 % 31,19 %
EBITDA margin - - 38,21 % 38,11 %
Tax rate - - 20,82 % 18,11 %
Gearing - - 100,91 84,60
Patrimonio netto / totale attivo - - 31,32 % 35,46 %

Dati di Borsa per azione

2017 (e) 2016 (e)
Rendimento da dividendo 2,43 % 2,47 %
Prezzo/utile corrente 24,44 160,26
Prezzo/cash flow corrente 17,17 46,16
Prezzo/patrimonio netto 2,92 2,98
Prezzo/patrimonio netto tangibile - -
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 5,91 % -

(e) : stima

  • Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • (The response is mandatory)

    Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Invia