ArcelorMittal LU0323134006

Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
7,27 EUR 26/04/2017 09:35 Amsterdam
-0,12 EUR (-1,57 %) Variazione dall'ultima chiusura
3,84 8,77  52 settimane min max
44,40 % Rendimento a 1 anno
0,00 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli

Contenuto premium

I consigli dei nostri esperti e le nostre valutazioni di rischio sono riservati agli abbonati. Desideri accedere?

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi

    ArcelorMittal: ripresa dopo un 2016 difficile

    2 mesi fa - giovedì 23 febbraio 2017
    Dopo aver toccato il fondo a inizio 2016, il titolo è rinato dalle sue ceneri, ma la sua ascesa non è, secondo noi, terminata. Arcelor continua, infatti, a essere apprezzata dal mercato e a beneficiare del contesto economico più favorevole per il suo settore.
     
     
     
     

    Il parere dei nostri esperti e le nostre valutazioni del rischio sono solo per gli abbonati. Vuoi accedere?

    Voglio accedere a questo contenuto!
  • Analisi

    ArcelorMittal: prospettive non proprio entusiasmanti

    5 mesi fa - lunedì 14 novembre 2016
    I risultati trimestrali di ArcelorMittal sono stati, nel complesso, migliori rispetto alle nostre attese.
    Prezzo al momento dell'analisi (11/11/16): 6,37 EUR
    Consiglio: Mantieni


    Nel corso del 3° trimestre le vendite di acciaio di ArcelorMittal (Isin LU0323134006) sono scese di circa il 4% rispetto allo stesso trimestre 2015, ma la redditività del gruppo è migliorata grazie ai tagli sui costi e alla salita dei prezzi dell’acciaio. Le prospettive per il 4° trimestre non sono, però, entusiasmanti: è atteso un calo dei prezzi dell’acciaio negli Usa (Paese che rappresenta il 21% delle vendite) e ci si aspetta una salita dei prezzi del carbone (materia prima per la produzione dell’acciaio). Vedremo se il nuovo presidente degli Stati Uniti varerà, come promesso, delle regole in grado di aiutare la società – in particolare misure per limitare le importazioni di acciaio cinese e russo. Nel frattempo, sul mercato persistono i disequilibri tra domanda (debole) e offerta (eccessiva). Per tutti questi motivi, restiamo prudenti col consiglio.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    ArcelorMittal: buoni i conti del 2° trimestre

    7 mesi fa - lunedì 12 settembre 2016
    Nel 2016 il titolo ha guadagnato circa l’80%, grazie al contesto più favorevole per i produttori di acciaio.
    Prezzo al momento dell'analisi (09/09/16): 5,40 EUR
    Consiglio: Mantieni

    La ripresa del titolo ArcelorMittal (Isin LU0323134006) è stata favorita sia dai buoni risultati del 2° trimestre, sostenuti da importanti tagli ai costi e dalla risalita dei prezzi dell’acciaio, sia dalla riduzione dell’indebitamento netto (-25% grazie all’aumento di capitale e alle cessioni). Preferiamo, però, restare prudenti. La salita dei prezzi dell’acciaio è stata alimentata dalle tasse anti dumping imposte sugli acciai cinesi e russi e non da un vero aumento della domanda mondiale. Inoltre, la Cina sta sì cercando di rilanciare la domanda interna di acciaio e di ridurre gli impianti produttivi, ma non è detto che questo basti a sostenere stabilmente i prezzi. Infine, la crescita della domanda di acciaio nei settori auto e degli elettrodomestici avrà come contraltare il calo di quella nel settore edile. Per questo, limitati a mantenere le azioni che già hai.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    ArcelorMittal: riduce il debito

    un anno fa - venerdì 15 aprile 2016
    Le iniziative intraprese dal management per alleggerire il debito sono state apprezzate dagli investitori.

    Prezzo al momento dell'analisi (14/04/2016): 4,91 euro

    La situazione del gruppo, che deve far fronte alla crisi del settore dell’acciaio, resta comunque difficile. Se il rischio non ti spaventa, mantieni questa azione correttamente valutata.
    Grazie ai fondi raccolti con il recente aumento di capitale, ArcelorMittal (Isin LU0323134006) può continuare a ridurre il debito. Ha infatti annunciato il riacquisto di due bond per un valore nominale di 1,5 miliardi di euro; un’operazione apprezzata dal mercato. Il titolo beneficia, inoltre, del miglioramento del giudizio sul gruppo da parte di una banca d’affari americana, che prevede un miglioramento delle condizioni del settore dell’acciaio grazie a una certa ripresa dell’attività economica in Cina. La situazione finanziaria di ArcelorMittal resta, comunque, difficile. Anche se ci sono schiarite all’orizzonte, l’uscita dal tunnel sembra ancora lontana. Limitati a mantenere questa azione correttamente valutata.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    ArcelorMittal: aggiornamenti sull’aumento di capitale

    un anno fa - venerdì 18 marzo 2016
    Hai difficoltà a vendere in Borsa i diritti? Leggi qui cosa puoi fare.
     
    Nel nostro articolo di martedì 15 – vedi qui - ti abbiamo consigliato di non aderire all’aumento di capitale, ma di vendere in Borsa i diritti di opzione di ArcelorMittal (codice Isin LU1376516610, 1,265 euro alle ore 11.30 del 18 marzo 2016; prezzo rilevato sulla Borsa di Euronext Amsterdam) e di limitarti a mantenere le tue azioni ArcerolMittal (codice Isin LU0323134006, 4,019 euro alle ore 11.30 del 18 marzo 2016; prezzo rilevato sulla Borsa di Euronext Amsterdam) – ricorda che hai 1 diritto per ogni azione, quindi al momento complessivamente sei in guadagno rispetto ai 4,72 euro di venerdì 11 marzo, il giorno precedente l’avvio dell’aumento di capitale.

    Ci risulta che due banche, Fineco e Binck, non stiano facendo alcun problema riguardo alla vendita dei diritti.
    Altre banche, invece, stanno negando la vendita dei diritti: ci risulta che questo stia accadendo a chi aveva comprato le azioni su EuroTlx e Xetra.

    Webank era una di queste. Sappiamo, però, che sotto pressione dei clienti più tenaci, ha concesso la possibilità che la sede di negoziazione dei diritti venisse spostata su Euronext Amsterdam.
    Questo esempio – così come il fatto che molte banche comunque dichiarino che i diritti saranno comunque venduti alla fine dell’aumento di capitale – dimostra che lo stop alla negoziazione dei diritti è un mero problema procedurale interno della banca. Sollecitala, dunque, perché ti renda disponibile la negoziazione dei diritti sulla Borsa di Amsterdam: tartassali di richieste, manda fax e email e sottolinea il danno potenziale – circa il 25%- che il loro comportamento ti sta causando. Fai tutto subito, adesso: la negoziazione dei diritti termina il 22 marzo, quindi martedì – verifica comunque le date con precisione sulla base della comunicazione che ti ha inviato la banca.
     
    Se proprio arrivi alla mattina del 22 che la banca non ti ha fatto sapere niente, piuttosto che perdere il 25% fai così:
    1)      Vendi circa il 28% delle azioni che hai in mano. Se ne hai 5.000, sono 1.400. Visto che stanno circa a 4 euro, incassi 5.600 euro circa. Ti restano 3.600 azioni.
    2)      Esercita un numero di diritti pari al numero di azioni che ti rimangono. Nell’esempio, quindi, devi dire alla banca che vuoi esercitare 3.600 diritti.
    3)      Esercitando, comprerai 7 azioni nuove a 2,2 euro ciascuna per ogni 10 diritti. Quindi se eserciti 3.600 diritti, compri 2.520 nuove azioni, pagandole 2,2 euro ciascuna, quindi in totale spendi 5.544 euro un risultato allineato all’incasso derivante dalle vendita delle azioni – non è proprio preciso perché dovresti vendere il 27,79% delle azioni – e tra l’altro è una percentuale calcolata sui 4 euro di prezzo attuali – ma non stare a fasciarti troppo la testa per questo.
    Occhio alle tempistiche sui giorni di valuta, quindi tieni comunque un cuscinetto di soldi sul conto per non andare in rosso. E poi ringrazia di cuore la tua banca per questo scherzetto – come minimo chiedi che tutte queste operazioni vengano fatte senza che ti siano fatte pagare commissioni.

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 8,77 EUR
Minimo degli ultimi 12 mesi 3,84 EUR
ISIN LU0323134006
Borsa Amsterdam
Beta 1,40
Volatilità 45,20 %
Numero di azioni 3.065.710.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 22,56 EUR
Settore Siderurgia, minerali non ferrosi, miniere
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 131.945 EUR
Punteggio corporate governance 4

Indici chiave per azione (EUR)

2017 (e) 2016 (e) 2015 2014
Dividendo 0,00 0,00 0,14 0,12
Utile corrente 0,63 0,41 -0,33 0,00
Utile netto 0,63 0,57 -3,09 -0,35
Cash Flow corrente 1,39 1,21 0,81 1,20
Cash Flow netto 1,39 1,13 0,46 1,13
EBIT 1,26 1,14 0,79 1,07
EBITDA 2,07 2,01 2,04 2,36
Patrimonio netto 10,45 9,87 10,89 16,29
Patrimonio netto tangibile 8,91 8,32 8,67 13,46

Rendimento in euro

ArcelorMittal Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi -4,50 % 6,68 % 3,10 %
Rendimento ultimi 6 mesi 18,50 % 12,15 % 10,59 %
Rendimento ultimo anno 44,40 % 10,80 % 17,47 %
Rendimento ultimi 5 anni -3,90 % 8,70 % 16,03 %

Indici finanziari della società

2015 2014
Pay out - - 0,00 % 0,00 %
Current ratio - - 1,24 1,33
ROE - - -3,34 % 0,00 %
ROE netto - - -31,44 % -2,58 %
Margine lordo - - 7,21 % 7,89 %
Margine netto - - -13,25 % -1,23 %
EBIT margin - - 3,21 % 4,16 %
EBITDA margin - - 8,23 % 9,13 %
Tax rate - - - -
Gearing - - 56,89 34,94
Patrimonio netto / totale attivo - - 35,88 % 45,53 %

Dati di Borsa per azione

2017 (e) 2016 (e)
Rendimento da dividendo 0,00 % 0,00 %
Prezzo/utile corrente 11,68 17,95
Prezzo/cash flow corrente 5,29 6,08
Prezzo/patrimonio netto 0,70 0,75
Prezzo/patrimonio netto tangibile 0,83 0,88
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 6,44 % -

(e) : stima

  • Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • (The response is mandatory)

    Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Invia