D'Amico International Shipping

LU0290697514
0,1222 EUR 19/02/2020 17:35 Milano
0,00 EUR (0,99 %) Variazione dall'ultima chiusura
0,0900 0,1500  52 settimane min max
35,72 % Rendimento a 1 anno
0,08 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli
Contenuto premium

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi
    D'Amico: stime confermate 3 mesi fa - lunedì 18 novembre 2019
    Grazie al rialzo delle tariffe di noleggio per le navi che trasportano petrolio e derivati, le azioni D’Amico sono riuscite a riportarsi sui valori di inizio anno. Nel complesso, l’andamento di Piazza Affari è stato, però, migliore. 

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    D'Amico: migliorano i conti 4 mesi fa - lunedì 30 settembre 2019
    Il titolo continua a viaggiare sui minimi storici. 

    Prezzo al momento dell’analisi (27/9/2019): 0.09 euro

    Consiglio: mantieni

    I conti del secondo trimestre hanno mostrato qualche segnale di miglioramento, ma nel complesso restano poco rosei. La società ha registrato ricavi in progresso del 5,3% rispetto al secondo trimestre del 2018. È un miglioramento rispetto al calo del primo trimestre, ma non sufficiente a soddisfare le nostre aspettative. L’utile industriale, prima di spesare la quota parte degli oneri pluriennali, si è attestato su valori pari a circa il 40% del fatturato, in miglioramento rispetto al 35% del primo trimestre. In valore assoluto resta, comunque, di importo limitato e viene mangiato da tutti gli altri costi, finanziari e pluriennali, legati agli investimenti fatti in questi anni per rinnovare la flotta. Per questo l’ultima riga di bilancio, pur escludendo gli elementi straordinari, resta comunque in rosso. Tenendo conto dell’aumento di capitale chiuso in aprile, stimiamo una perdita di 0,03 euro nel 2019 e un pareggio nel 2020.

    Vuoi leggere tutte le analisi dei nostri esperti senza limiti? Abbonati ad Altroconsumo Finanza.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    D'Amico: il 25 marzo parte l'aumento di capitale 11 mesi fa - venerdì 22 marzo 2019
    L'aumento di capitale parte il 25 marzo. Ecco le caratteristiche e che cosa ti consigliamo di fare.
    Prezzo di riferimento al momento dell’analisi (21/03/19): 0,1098 euro
    Consiglio: mantieni le azioni, vendi i diritti d’opzione (dal 25 marzo)  

    La società di trasporto navale D’Amico (0,1098 euro) ha definito le caratteristiche dell’aumento di capitale di cui ti avevamo parlato su Altroconsumo Finanza n° 1306: un po’ a sorpresa partirà subito, già lunedì 25 marzo per concludersi il 16 aprile. Agli azionisti sarà offerta la possibilità di comprare 10 nuove azioni D’Amico per ogni 11 azioni D’Amico già in mano. Il prezzo di sottoscrizione per ciascuna delle nuove azioni è fissato a 0,075 euro per azione, ben sopra gli 0,06 euro che avevamo ipotizzato.

    Lo sconto, rispetto al prezzo teorico dell’azione dopo la fine dell’aumento di capitale è inferiore al 20%: non granché (e questo sconto è stato determinato dal "balzo" del prezzo in chiusura di giovedì 21 marzo, altrimenti lo sconto sarebbe stato inferiore al 15%). Inoltre, non dimenticare che con l’aumento di capitale la società sta chiedendo agli azionisti circa 40 milioni di euro dopo aver bruciato 100 milioni di euro chiesti sempre agli azionisti con gli aumenti di capitale del 2012 e 2017. E non è una richiesta da poco: a conti fatti, ti sta chiedendo altri 700 euro circa per ogni 1000 euro che ad oggi hai nel titolo. Ricorda, poi, che la società ha chiuso il 2018 con un rosso pesante, il peggiore dal 2012. D’Amico cerca di convincerti che le prospettive di mercato sono buone, ma lo dice da anni e intanto tra gli ultimi 10 bilanci solo 2 sono stati chiusi in utile. Secondo noi, la società, non farà utili né nel 2019, né nel 2020. Infine, anche se con l’aumento di capitale l’attuale azionista di maggioranza è destinato ulteriormente a rafforzarsi, non ci sembra che al momento abbia interesse a lanciare un’Opa per ritirare le azioni dal listino.   


    Tenuto conto di tutti i suddetti elementi ti sconsigliamo di aderire all’aumento di capitale di D’Amico. Limitati a mantenere le azioni che già hai e non sottoscriverne delle nuove.

    Per ogni azione D’Amico che hai in mano riceverai un diritto d’opzione che sarà scambiabile in Borsa sempre a partire dal 25 marzo. Il consiglio è di venderli subito in Borsa. Al più presto, perché storicamente il valore dei diritti d’opzione tende a scendere nel corso del tempo. Attenzione: il valore della vendita potrebbe essere molto piccolo, attorno a 0,01 euro per azione. Significa che se hai 5.000 azioni D’Amico, il valore complessivo dei tuoi diritti d’opzione sarà di 50 euro. La tua banca dovrebbe venderti comunque in automatico i diritti durante il loro ultimo giorno di negoziazione (al momento non noto), ma visto che il valore dei diritti tende a scendere, l’impatto delle commissioni bancarie di vendita potrebbe essere ancora più rilevante. Per questo vendi i diritti il più presto possibile.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Aumento di capitale per D'Amico un anno fa - lunedì 18 febbraio 2019
    L’annuncio di un ennesimo aumento di capitale ha portato il titolo sui minimi storici. Il distacco dal resto di Piazza Affari è abissale.

    Prezzo al momento dell’analisi (15/2/2019): 0.10 euro

    Consiglio: mantieni

    D’Amico ha annunciato un aumento di capitale di massimi 60 milioni di dollari: ai cambi attuali, sono circa 53 milioni di euro, un valore non distante da quello complessivo della società in Borsa (intorno ai 70 milioni). Altri dettagli precisi per ora non ce ne sono: supponendo un prezzo di 0,06 euro per le nuove azioni, ai prezzi attuali le D’Amico non sono comunque convenienti. Del resto, non prevediamo utili per la società né nel 2019, né nel 2020. Pochi soci, secondo noi, saranno disposti a versare altri soldi – D’Amico ha bruciato i 32 milioni raccolti con l’aumento di capitale del 2012 e i 35 milioni raccolti con quello del 2017. Al nuovo aumento di capitale aderirà, dunque, quasi solo l’attuale azionista di maggioranza, che potrebbe rafforzare il controllo sul gruppo. Che possa decidere, dopo questo passo, di rastrellare tutte le azioni ritirandole dagli scambi di Borsa? Per ora, mantieni.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    D'Amico orfana del suo amministratore delegato un anno fa - lunedì 5 novembre 2018
    Le azioni D’Amico sono sprofondate sui minimi storici dopo la notizia dell’addio dello storico “capitano” d’azienda, e ormai la distanza dal resto di Piazza Affari è abissale.

    Prezzo al momento dell’analisi (2/11/2018): 0.11 euro

    Consiglio: mantieni

    D’Amico ha perso oltre il 30% dopo la notizia delle dimissioni del suo amministratore delegato. Arriva in un brutto momento: i risultati sono poco rassicuranti (vedi Altroconsumo Finanza n° 1283) e ci sono timori di un loro peggioramento sulla scorta di un rallentamento economico globale. Ecco perché fatichiamo a consigliarti il titolo, anche se ai prezzi attuali la società vale un quinto del suo valore contabile (quanto resta se vendi tutte le attività e paghi tutti i debiti ai valori di bilancio). La stessa proporzione si ottiene tenendo conto del valore commerciale della flotta, come dichiarato da D’Amico, al netto dei debiti. Non ci sono grandi spunti speculativi: la società non è contendibile e l’azionista di maggioranza fin qui non ha mai espresso la volontà di ritirare le azioni dal listino (anche se spenderebbe ora circa 25 milioni di euro rispetto ai 130 milioni incassati dalla quotazione). 

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 0,1500 EUR
Minimo degli ultimi 12 mesi 0,0900 EUR
ISIN LU0290697514
Borsa Milano
Beta 1,28
Volatilità 52,50 %
Numero di azioni 1.248.082.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 0,15 EUR
Settore Industrie e servizi vari
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 299 EUR
Punteggio corporate governance 6
Paesi Italia

Indici chiave per azione (EUR)

2020 (e) 2019 (e) 2018 (e) 2015
Dividendo 0,00 0,00 0,00 0,02
Utile corrente 0,00 -0,03 -0,06 0,09
Utile netto 0,00 -0,03 -0,06 0,10
Cash Flow corrente 0,05 0,05 -0,03 0,15
Cash Flow netto 0,05 0,05 -0,03 0,16
EBIT 0,02 0,01 -0,02 0,11
EBITDA 0,07 0,08 0,02 0,17
Patrimonio netto 0,26 0,26 0,41 0,70
Patrimonio netto tangibile 0,26 0,26 0,41 0,70

Rendimento in euro

D'Amico International Shipping Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi -0,82 % 5,99 % 10,52 %
Rendimento ultimi 6 mesi 32,97 % 16,42 % 19,71 %
Rendimento ultimo anno 35,72 % 16,37 % 26,86 %
Rendimento annualizzato degli ultimi 5 anni -21,05 % 2,50 % 11,00 %

Indici finanziari della società

2019 (e) 2018 (e) 2015 2011
Pay out - - 22,48 % -
Current ratio - - 0,87 1,70
ROE - - 13,10 % -6,46 %
ROE netto - - 14,62 % -6,66 %
Margine lordo - - - -
Margine netto - - 17,53 % -7,20 %
EBIT margin - - 18,65 % -2,07 %
EBITDA margin - - 29,38 % 10,63 %
Tax rate - - 2,94 % -
Gearing - - 113,45 75,94
Patrimonio netto / totale attivo - - 40,93 % 47,07 %

Dati di Borsa per azione

2020 (e) 2019 (e)
Rendimento da dividendo 0,08 % 0,00 %
Prezzo/utile corrente - -
Prezzo/cash flow corrente 2,40 2,40
Prezzo/patrimonio netto 0,46 0,46
Prezzo/patrimonio netto tangibile 0,46 0,46
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 3,57 % -

(e) : stima