General Electric

US3696041033
Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
10,03 USD 21/02/2019 22:00 New York
-0,07 USD (-0,69 %) Variazione dall'ultima chiusura
6,71 15,29  52 settimane min max
-22,72 % Rendimento a 1 anno
0,40 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli
Contenuto premium

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

Come valutiamo le azioni
Analisi

Articoli

  • Analisi
    Speranze di dialogo 4 giorni fa - lunedì 18 febbraio 2019
    Settimana positiva per tutte le Borse. Tra i listini azionari occidentali New York ha archiviato un rialzo del 2,5%, mentre le Borse europee, in media, hanno messo su il 3%. Bene anche le Borse asiatiche: sia le azioni cinesi, sia quelle giapponesi hanno registrato un guadagno del 2,8%.
     
     
     
     

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    Un po’ d’ossigeno 18 giorni fa - lunedì 4 febbraio 2019
    Dopo una partenza debole, le Borse hanno ritrovato ottimismo e sono riuscite a raddrizzare la settimana. In particolare, si è distinta New York, che ha archiviato un rialzo dell’1,6%. Le Borse europee, in media, hanno messo su l’1,3%. Tra queste, però, Milano ha perso l’1,2%.
     
     
     
     

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    Nuovo sprint per General Electric un mese fa - lunedì 21 gennaio 2019
    Dopo una lunga discesa, il titolo ha provato a rialzare la testa. Dubitiamo, però, che i lodevoli sforzi del management per ridurre l’indebitamento bastino a rilanciare durevolmente l’azione. 
     
     
     
     

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    General Electric sta fallendo? 3 mesi fa - venerdì 23 novembre 2018
    Le azioni General Electric hanno perso il 75% in poco più di due anni. C’è da scappare? Facciamo il punto.
    General Electric

    General Electric

    La risposta ufficiale di mercato e agenzie di rating

    Le agenzie di rating hanno recentemente tagliato il giudizio sull’affidabilità di General Electric (7,81 Usd; Isin US3696041033), ma, secondo loro, siamo ancora distanti dal fallimento. Per l’agenzia S&P, per esempio, il giudizio sull’affidabilità è BBB+, un gradino sotto quello che noi identifichiamo come giudizio “sufficiente”, ma sei gradini sopra una situazione di “alto rischio”. Inoltre siamo tre gradini sopra la soglia che non permetterebbe più ai grandi fondi pensione americani di investire nei bond della società. Quindi, anche se c’è la possibilità di un’ulteriore revisione del giudizio in negativo, siamo distanti da una situazione patologica. Anche il mercato dei cds, quelle assicurazioni contro il rischio di fallimento di un Paese o di un’azienda, non esprime preoccupazione. Per quanto il prezzo dei cds sia salito nelle ultime settimane, viaggia ancora attorno a 220: ovvero c’è solo un 3,1% di probabilità che la società non ripaghi il 70% dei suoi debiti. Il prezzo dei cds è inferiore a quello visto nel 2011 (circa 300) e quello visto nel 2008 (circa 600) – entrambi momenti di crisi per i mercati. E giusto per darti un’idea, sono la metà dei prezzi dei cds dell’Enel nel 2012. Infine i rendimenti dei bond sono sì saliti, ma siamo poco sotto al 6%, un valore inferiore al 7% medio che pagano altri titoli considerati rischiosi, come quelli inseriti nell’Etf Pimco short term high yld hedged (87,31 euro; Isin IE00BF8HV600).

    Spesso senti parlare di obbligazioni “spazzatura”. Con questa dicitura non si fa riferimento a obbligazioni di società sull’orlo di fallimento, ma a bond di società il cui giudizio di affidabilità è sceso al di sotto di una particolare soglia, quella che fa sì che i grandi fondi pensione americani non possano comprare questi bond. Insomma, sono titoli rischiosi, ma non di società per forza sull’orlo del fallimento.

    I nostri dubbi guardando al bilancio

    Detto questo, gli elementi di tensione sono innegabili. Da due trimestri la società fa fatica a generare liquidità tramite lo svolgimento delle sue attività – significa che quello che incassa vendendo i suoi prodotti non basta a pagare le spese vive aziendali, figuriamoci gli investimenti. Non per nulla ha in pratica azzerato il dividendo. Inoltre, avere poca cassa, significa dover fare ricorso all’indebitamento e la società di debiti ne ha già parecchi: il rapporto tra i debiti, al netto della liquidità già in cassa, e i suoi utili industriali è pari a 21. È un valore 5 volte più elevato di quello medio per le altre società industriali. Le banche concederanno ulteriore credito? Sì, la società ha già la possibilità di prendere a prestito 41 miliardi: sono linee di credito attive, usate fin qui solo per 2 miliardi. A brevissimo, quindi, non rischia di restare a secco. Su questi soldi dovrà, però, pagare fior di interessi: sono altri costi che pesano sul bilancio. E se le cose vanno male si fa presto a esaurire queste linee di credito: la società ha circa 30 miliardi di debiti da restituire da qui al 2020. Non per nulla i vertici ritengono di dover procedere con urgenza con le vendite di attività già annunciate in precedenza: se non danno i risultati sperati, il gruppo potrebbe essere costretto a un aumento di capitale. Per convincere il mercato dovrebbe offrire un forte sconto sul prezzo delle azioni, fatto che le farebbe scendere ulteriormente in Borsa.

    Il taglio del rating ha già comportato dei problemi per General Electric: non ha più accesso a una forma di finanziamento a breve termine e a basso costo che ha spesso usato in passato – si chiama commercial paper. Ora può fare affidamento solo sulle linee di credito bancarie. Se per qualche motivo vengono chiuse o la società le esaurisce o il piano di dismissioni non va buon fine, per General Electric saranno dolori. 

    Situazione delicata

    Insomma, la situazione non è da si salvi chi può, ma è comunque delicata. Per questo ti consigliamo di vendere tutte le obbligazioni General Electric in tuo possesso. In questo momento non sono adatte al buon padre di famiglia. Non dovresti averle in mano visto che il consiglio presente su www.altroconsumo.it/finanza è, da tempo, “vendi”. L’unica obbligazione General Electric per il quale il consiglio era “mantieni” era la General Electric 8,35% 03/09/2022 (88,35; Isin XS0319509294) in peso messicani. In ogni caso non l’avevamo mai consigliata all’acquisto: se, però, per caso ce l’hai, vendi anche questa. Per quanto riguarda le azioni, invece, puoi continuare a mantenerle. Ricorda che comunque si tratta di un investimento rischioso: ci potrebbero essere ulteriori cali prima che il titolo si riprenda. Devi avere tempo (circa dieci anni) e stomaco dalla tua parte. Se non li hai valuta di vendere anche le azioni General Electric. 

    Se ti ritrovi nel nostro portafoglio dedicato all’investitore difensivo, non solo devi vendere le azioni General Electric, ma, in generale, tutte le azioni americane.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    General electric: margini in calo 3 mesi fa - lunedì 12 novembre 2018
    General Electric non riesce a uscire dalla crisi e, come se ciò non bastasse, le autorità mettono in dubbio la veridicità dei dati di bilancio. In questo momento i prezzi del titolo sono, però, scesi così tanto che non ci sembra comunque il caso di vendere.

    Prezzo al momento dell’analisi (9/11/2018): 8.58 usd

    Consiglio: mantieni

     Le attività industriali di General Electric (Isin US3696041033) hanno chiuso il 3° trimestre con un fatturato in crescita dell’1% (senza cessioni/acquisizioni), ma con un margine industriale (rapporto tra utili industriali e fatturato) in calo all’8,1%. Le attività legate alle turbine, già svalutate, hanno visto ricavi in calo del 33% e risultati in rosso. Per le energie rinnovabili, il fatturato è salito del 15%, ma il margine industriale è sceso al 2,1% (bassi prezzi di vendita). Solo l’aviazione, il punto di forza del gruppo, è ancora in buona salute. Complessivamente l’utile per azio­ne è sceso del 33% e il management, la cui priorità resta il controllo del debito, taglia a un simbolico 0,04 Usd il dividendo 2019. Tenendo conto di tutto ciò, abbassiamo nettamente le stime sull’u­tile per azione 2018 (da 0,75 a 0,40 Usd) e 2019 (da 0,90 a 0,75 Usd).

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 15,29 USD
Minimo degli ultimi 12 mesi 6,71 USD
ISIN US3696041033
Borsa New York
Beta 0,96
Volatilità 23,20 %
Numero di azioni 8.698.114.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 87,24 USD
Settore Industrie e servizi vari
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 1.018.183 USD
Punteggio corporate governance 5

Indici chiave per azione (USD)

2019 (e) 2018 (e) 2017 (e) 2016
Dividendo 0,04 0,37 0,84 0,93
Utile corrente 0,75 -2,62 -0,72 0,91
Utile netto 0,75 -2,62 -0,72 0,91
Cash Flow corrente 1,30 -0,66 1,08 1,43
Cash Flow netto 1,30 -0,66 1,08 1,43
EBIT 0,95 -1,93 -0,49 1,46
EBITDA 1,80 1,30 1,16 2,01
Patrimonio netto 4,30 3,57 7,41 8,67
Patrimonio netto tangibile -0,20 -0,90 -2,38 0,62

Rendimento in euro

General Electric Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi 29,12 % 4,32 % 5,14 %
Rendimento ultimi 6 mesi -18,52 % -3,58 % -1,61 %
Rendimento ultimo anno -22,72 % -2,81 % 11,52 %
Rendimento ultimi 5 anni -10,74 % 1,96 % 12,85 %

Indici finanziari della società

2018 (e) 2017 (e) 2016 2015
Pay out - - 103,64 % -
Current ratio - - 1,92 1,58
ROE - - 10,78 % -6,25 %
ROE netto - - 10,78 % -6,25 %
Margine lordo - - 27,87 % 41,10 %
Margine netto - - 6,23 % -4,14 %
EBIT margin - - 10,38 % 6,08 %
EBITDA margin - - 14,32 % 14,24 %
Tax rate - - -5,68 % 338,04 %
Gearing - - 108,88 120,95
Patrimonio netto / totale attivo - - 22,05 % 20,93 %

Dati di Borsa per azione

2019 (e) 2018 (e)
Rendimento da dividendo 0,40 % 3,69 %
Prezzo/utile corrente 13,37 -
Prezzo/cash flow corrente 7,72 -
Prezzo/patrimonio netto 2,33 2,81
Prezzo/patrimonio netto tangibile - -
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 4,27 % -

(e) : stima

×
Partecipa al sondaggio:
general-electric
Raccomanderesti l'utilizzo di questa pagina alla tua famiglia e ai tuoi amici? Puoi indicare un giudizio compreso tra 1 (assolutamente no) e 10 (assolutamente sì) *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Lasciaci un commento (opzionale)
Invia