Italgas IT0005211237

Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
4,45 EUR 28/06/2017 17:26 Milano
-0,02 EUR (-0,49 %) Variazione dall'ultima chiusura
3,13 4,84  52 settimane min max
4,70 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli

Contenuto premium

I consigli dei nostri esperti e le nostre valutazioni di rischio sono riservati agli abbonati. Desideri accedere?

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi
    Italgas: nuovo piano strategico 16 giorni fa - lunedì 12 giugno 2017

    Dopo la scivolata registrata dopo lo sbarco a Milano, il titolo Italgas ha ingranato la quarta e oggi, complici i buoni dati trimestrali e un ambizioso piano di crescita, viaggia sui massimi dalla quotazione.

     
     
     
     

    Il parere dei nostri esperti e le nostre valutazioni del rischio sono solo per gli abbonati. Vuoi accedere?

    Voglio accedere a questo contenuto!
  • Analisi
    Prezzo di carico Snam e Italgas 6 mesi fa - lunedì 5 dicembre 2016
    Se lo vedi a 0 è perché la tua banca deve ancora calcolarlo (sgridala e magari cambiala!). Ecco che valori devi aspettarti e cosa sta succedendo ai due titoli.
    La regola
    Italgas (3,27 euro) è stata scissa da Snam (3,59 euro) e quotata separatamente in Borsa il 7 novembre. Per calcolare il nuovo prezzo di carico, post scissione, delle Snam fai così: prendi il prezzo di carico originale e moltiplicalo per 0,82538045. E per quello delle Italgas? Fai prima la differenza tra il vecchio prezzo di carico delle Snam e il nuovo prezzo di carico delle Snam e poi moltiplica quello che ottieni per 5.
     
    Un esempio per capire meglio
    Avevi 100 Snam al prezzo di carico di 4 euro ciascuna (400 euro totali). Post scissione, il nuovo prezzo di carico delle Snam è di 3,302 euro (4 euro moltiplicato per 0,82538045). Quello delle Italgas è di 3,49 euro (4 euro, prezzo originale di carico delle Snam, meno 3,302 euro, nuovo prezzo di carico delle Snam, moltiplicato per 5). Considerato che ora hai 20 Italgas e 100 Snam – ti hanno dato 1 Italgas per ogni 5 Snam – il valore fiscale totale del tuo investimento non è cambiato: hai 100 Snam caricate a 3,302 euro l’una e 20 Italgas caricate a 3,49 euro l’una, in totale fa 400 euro. Secondo noi questo è il calcolo più giusto. Alcune banche potrebbero fare conti diversi – per esempio, calcolando il nuovo prezzo di carico delle Snam sottraendo a quello originario 0,7798 euro. L’importante è che il valore complessivo di carico (prezzo di carico per numero di azioni) pre e post operazione non cambi.
     
    Il punto sui titoli
    Ma come sono andati questi titoli dalla scissione? Non bene: le Snam hanno perso circa il 5%, mentre le Italgas circa il 18% – ricorda sempre di fare il confronto con i prezzi “rettificati” post scissione, quelli alla mattina del 7 novembre, li trovi nel riquadro La scissione non cambia le carte in tavola. Nel complesso il valore del tuo investimento si è ridotto di quasi il 7,3%. Detto così sembra una batosta. Se, però, guardi il grafico Una discesa europea noti come questo calo sia tutto sommato allineato a quello degli altri titoli del settore utility in Europa – e Snam ha sofferto un po’ recentemente perché è saltata una gara che sembrava già vinta in Grecia. Cosa ha provocato un calo del genere nel settore?
     
    Le ragioni del calo
    Da un lato ha pesato il rialzo dei tassi d’interesse: le utility si indebitano più di altre società. Se non c’è crescita economica, il maggior costo dei finanziamenti rischia di pesare sui risultati. Non per nulla, quelle che sono andate male sono le utility europee, mentre negli Usa, dove la crescita economica è nettamente superiore, tutto sommato le utility hanno retto meglio al rialzo dei tassi.
    In secondo luogo, c’è il generale buon ottimismo dei mercati di queste settimane: questo ha portato il mercato a premiare alcuni titoli considerati “più rischiosi” – come quelli delle materie prime – e a punire quelli considerati “difensivi” – come i telefonici o, appunto, le utility.
     
    Che fare con Snam e Italgas
    C’è da scappare da Snam e Italgas? Secondo noi no. Entrambe le società hanno quasi la maggior parte degli introiti garantiti da norme di legge – le tariffe sono entrate in vigore da poco e non ci dovrebbero essere grosse variazioni per alcuni anni. Inoltre, queste tariffe premiano gli investimenti: non per nulla Snam, anche in anni con volumi di gas in calo sulla rete, è riuscita a registrare utili in crescita. Certo, nel complesso le nuove tariffe sono peggiori che in passato, ma ci aspettiamo che comunque non penalizzeranno il dividendo – il rendimento annuo lordo si aggira, ai prezzi attuali, attorno al 6% per entrambi i titoli. Sono titoli nel complesso correttamente valutati: se non li hai non li acquistare, ma se li hai in mano continua a tenerli.
     
    La scissione non cambia le carte in tavola
    La scissione è un’operazione che, in un primo momento, non cambia il valore complessivo del tuo investimento. Te lo spieghiamo con un esempio. La sera del 4 novembre le Snam chiudevano in Borsa a 4,58 euro. Se ne avevi 1.000, il valore del tuo investimento era di 4.580 euro. Per tener conto della scissione, la mattina del 7 novembre la Borsa italiana indica come prezzo delle Snam 3,78 euro e come prezzo delle Italgas 3,9980 euro. Tu quella mattina hai 1.000 Snam, che valgono 3.780 euro, e 200 Italgas (ne sono state date 2 ogni 10) che valgono 799,6 euro. Se sommi i due valori torni ai 4.580 euro iniziali (qualche centesimo salta negli arrotondamenti).

     

    Una discesa europea
    Dal momento della scissione, il valore complessivo dell’investimento in Snam e Italgas (grassetto; base 100) è sceso, complice il calo generalizzato del settore utility in Europa (linea sottile). Le utility Usa sono andate meglio (linea di peso intermedio).

    condividi questo articolo

  • Analisi
    In breve: pillole dalle società quotate 7 mesi fa - lunedì 14 novembre 2016
    Ecco tutte le altre notizie importanti della settimana per le società della nostra selezione.
    Variazioni settimanali su prezzi all'11/11/16

    ATLANTIA 20,47 EURO, -4%
    Un consorzio formato al 65% da Atlantia, al 10% dalla controllata Aeroporti di Roma e al 25% da Edf Invest ha acquisito il 64% di Aéroports de la Côte d’Azur, che gestisce lo scalo di Nizza. Sono sviluppi già noti e di cui già teniamo conto: mantieni.

    ENI 12,55 EURO, -0,3%
    Le autorità del Bahrein hanno chiesto a Eni di studiare le potenzialità di produzione di alcune attività. In attesa di sapere quali sviluppi ne potranno derivare, il nostro consiglio su questa azione non cambia: mantieni.

    FCA 7,14 EURO, +16,4%
    A settembre le immatricolazioni in Brasile sono calate del 22% rispetto a un anno fa e del 23,3% da inizio anno. FCA ha fatto peggio della media (-39,1% rispetto a un anno fa e -32,7% da inizio anno). Alla luce di queste notizie, ribadiamo il consiglio: vendi.

    ITALGAS 3,33 EURO
    Dopo la scissione da Snam, l’agenzia di rating Moody’s ha assegnato a Italgas un giudizio di affidabilità pari a Baa1. Ai prezzi attuali, l’azione è secondo noi correttamente valutata: mantieni.

    PIAGGIO 1,47 EURO, +2,2%
    Ha presentato un progetto di Vespa elettrica, che dovrebbe essere prodotta e commercializzata a partire dalla seconda metà del 2017. Non ci aspettiamo che questo progetto possa rivoluzionare le sorti del gruppo: vendi.

    STEFANEL  0,12 EURO, -9,7%
    Il tribunale di Treviso ha concesso 120 giorni alla società, che ha richiesto il concordato preventivo, per trovare un accordo con i creditori. Se sei ancora azionista del gruppo, non aspettare l’esito di queste trattative: vendi.

    condividi questo articolo

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 4,84 EUR
Minimo degli ultimi 12 mesi 3,13 EUR
ISIN IT0005211237
Borsa Milano
Beta 0,80
Volatilità 21,73 %
Numero di azioni 809.134.600
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 3,74 EUR
Settore Energia e servizi alle collettività
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 15.637 EUR
Punteggio corporate governance 4

Indici chiave per azione (EUR)

2017 (e) 2016 (e) 2015 (e)
Dividendo 0,21 0,20 0,00
Utile corrente 0,30 0,27 0,33
Utile netto 0,30 0,15 0,33
Cash Flow corrente 0,70 0,68 0,67
Cash Flow netto 0,70 0,55 0,67
EBIT 0,46 0,42 0,57
EBITDA 0,86 0,82 0,91
Patrimonio netto 1,21 1,11 1,40
Patrimonio netto tangibile 1,20 1,10 1,40

Rendimento in euro

Italgas Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi 18,04 % 3,33 % 0,37 %
Rendimento ultimi 6 mesi 33,33 % 8,08 % 0,62 %
Rendimento ultimo anno - 20,83 % 18,79 %
Rendimento ultimi 5 anni - 9,91 % 15,52 %

Indici finanziari della società

2016 (e) 2015 (e)
Pay out - -
Current ratio - -
ROE - -
ROE netto - -
Margine lordo - -
Margine netto - -
EBIT margin - -
EBITDA margin - -
Tax rate - -
Gearing - -
Patrimonio netto / totale attivo - -

Dati di Borsa per azione

2017 (e) 2016 (e)
Rendimento da dividendo 4,70 % 4,47 %
Prezzo/utile corrente 14,90 16,56
Prezzo/cash flow corrente 6,39 6,57
Prezzo/patrimonio netto 3,69 4,03
Prezzo/patrimonio netto tangibile 3,73 4,06
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 7,19 % -

(e) : stima

Raccomanderesti l'utilizzo di questa pagina alla tua famiglia e ai tuoi amici? Puoi indicare un giudizio compreso tra 1 (assolutamente no) e 10 (assolutamente sì) *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Lasciaci un commento (opzionale)
Invia