National Grid

GB00BDR05C01
1.051,00 GBp 25/02/2020 09:32 Londra
6,20 GBp (0,59 %) Variazione dall'ultima chiusura
778,00 1.067,40  52 settimane min max
36,70 % Rendimento a 1 anno
4,65 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli
Contenuto premium

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi
    National Grid: cambio di consiglio 2 mesi fa - venerdì 13 dicembre 2019
     La sonora sconfitta del partito laburista in Gran Bretagna sembra definitivamente allontanare i rischi di una nazionalizzazione della società. Scopri qui come cambia il nostro consiglio.

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    National Grid: abbassiamo le stime 8 mesi fa - lunedì 24 giugno 2019
    Gli ultimi anni non sono stati molto brillanti per il titolo National Grid. Il mercato teme che le incertezze a livello normativo possano pesare sul futuro del gruppo. Si tratta di un pessimismo che ci sembra eccessivo.

    Prezzo al momento dell’analisi (21/6/2019): 847.10 pence

    Consiglio: acquista

    Ofgem è l’autorità che regola il settore del gas e dell’elettricità in Gran Bretagna e dal 2021 potrebbe ridurre la remunerazione prevista in bolletta per gli investimenti fatti da National Grid (Isin GB00BDR05C01). La società, però, sta cooperando e l’impatto finale dovrebbe essere marginale sui suoi conti. Altro rischio: il partito laburista ha annunciato, in caso di arrivo al governo, di voler nazionalizzare la rete di distribuzione di elettricità nel Regno Unito. Oltre a sembrarci poco realizzabile, non si tratta di una vera minaccia per National Grid che, con la cessione dell’attività di distribuzione del gas nel Regno Unito, ha ridotto molto la dipendenza dal mercato britannico (è ormai 1/3 dell’attività). Per tener conto di un livello di tasse più elevato del previsto, riduciamo le stime sull’utile per azione 2019/20 (a 58 pence) e 2020/21 (a 61 pence), ma ai prezzi attuali l’azione resta sottovalutata.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Dividendi per sempre 9 mesi fa - lunedì 3 giugno 2019
    Esistono 6 azioni che tra dividendi e andamento in Borsa offrono storicamente un rendimento del 9% netto annuo in euro. Te ne abbiamo parlato l’ultima volta a settembre . Torniamo a fare il punto.
    Azioni preferite

    Azioni preferite

    Dividendi in rialzo per tutte

    Due sono i criteri che identificano le azioni “magiche”. Primo: devono staccare almeno ogni anno un dividendo e questo deve essere almeno pari a quello dell’anno precedente. Secondo: l’andamento in Borsa delle azioni deve essere mediamente positivo. Cominciamo dal primo aspetto: tutte e sei le magiche “azioni” (vedi qui a fianco) rispettano questo criterio. Anzi, tutte dal settembre scorso hanno annunciato un rialzo più o meno consistente del proprio dividendo: dal +3,2% della Imi (906 pence; Isin GB00BGLP8L22) al +10% circa della Dominion (75,18 Usd; Isin US25746U1097).

    Quattro delle sei azioni “magiche” sono americane: Con. Edison (86,3 Usd; Isin US2091151041), Dominion (75,18 Usd; Isin US25746U1097), Dte Energy (125,47 Usd; Isin US2333311072) e Southern (53,5 Usd; Isin US8425871071). Sono utility: forniscono luce e gas negli Usa. Le altre sono britanniche: Imi (906 pence; Isin GB00BGLP8L22) – fa opere di ingegneria – e National Grid (792,8 pence; Isin GB00BDR05C01), altra utility.

    Andamento in Borsa eccellente, con una eccezione

    Per il secondo aspetto, da settembre 2018 solo Imi ha deluso in Borsa. Le sue azioni hanno perso, in euro, quasi il 20% complici le tensioni sul rallentamento economico globale – la società fa opere di ingegneria. Le altre 5, invece, sono state brillanti: i rialzi, in euro, vanno dal +2,3% delle National Grid (792,8 pence; Isin GB00BDR05C01) al +28,2% delle Southern (53,5 Usd; Isin US8425871071). Sono società che distribuiscono elettricità e gas prevalentemente negli Usa e hanno pubblicato conti in linea o migliori delle attese. Sommando all’andamento di Borsa lo stacco dei dividendi, l’unico risultato negativo è quello di Imi, -17,6%, vedi tabella qui sotto. 

    Per tutti le altre il risultato oscilla dal +8,4% di National Grid al +31,8% di Southern. Se avessi comprato tutte e sei le azioni, investendoci su ognuna lo stesso importo, il rendimento medio di questo piccolo portafoglio sarebbe di poco inferiore al 13% lordo, nettamente superiore al +1 % che avresti ottenuto investendo in generale sulle Borse mondiali. 

    Nome Prezzo Isin Rendimento lordo in euro e dividendi inclusi dall’ultimo consiglio (settembre 2018) Rendimento lordo in euro e dividendi inclusi dal primo consiglio (giugno 2013) Rendimento netto da dividendo atteso facendo l’acquisto ora
    Con. Edison 86,3 Usd US2091151041 +18,7% +114,9% 2,2%
    Dominion 75,18 Usd US25746U1097 +13,3% 91% 3,1%
    Dte energy 125,47 Usd US2333311072 +22,1% 163% 2%
    Imi plc 906 pence GB00BGLP8L22 -17,6% -12,7% 3,3%
    National Grid 792,8 pence GB00BDR05C01 +8,4% +38,6% 4,5%
    Southern 53,5 Usd US8425871071 +31,8% +86,4% 2,9%
    Per confronto: media Borse mondiali 1% +81,1% 1,7%

    Azioni da tenere per sempre

    Va bene, fin qui tutto bene, ma vale ancora la pena comprare queste azioni? Cominciamo col dividendo. Per tutte queste società, la distribuzione di un dividendo almeno pari a quello dell’anno prima non è solo un motivo di vanto, ma è un impegno concreto. Crediamo, quindi, che non modificheranno la loro politica in merito. Inoltre, il rendimento da dividendo annuo che ti porti a casa comprando ora queste azioni, netto da doppia tassazione, è comunque buono: si va dal 2% della Dte (125,47 Usd; Isin US2333311072) al 4,5% delle National Grid. National Grid è britannica, ma svolge anche una fetta di attività negli Usa. Tutte e 5 le azioni del settore utility negli scorsi mesi hanno, dunque, beneficiato anche del mancato rialzo dei tassi d’interesse negli Usa – per la natura della loro attività, sono società con elevati livelli di debito. National Grid si è comportata peggio delle altre colleghe del settore per effetto dei timori legati alle vicende politiche nel Regno Unito: il Partito laburista ha parlato addirittura di nazionalizzazione. A noi sembra uno scenario poco credibile. 

    Anche nel caso peggiore, sono rendimenti sopra la media dell’1,7% netto annuo offerto come dividendo dalle altre azioni mondiali. Se ti compri tutte e sei le azioni, il rendimento medio netto da dividendo è del 3% annuo, quasi il doppio di quello offerto in media dalle altre azioni. Bene, ma l’andamento in Borsa? Tutte le azioni, comprese quelle che hanno corso di più negli scorsi anni, hanno ancora oggi, nel complesso, indicatori di convenienza accettabili se confrontati con quelli medi delle altre azioni americane e britanniche. Per esempio, per le azioni Usa, in media, il rapporto tra prezzo e valore contabile (quanto resta di una società se si vendono tutte le attività e si pagano tutti i debiti ai valori di bilancio) è di 3,2. Il rapporto tra prezzo e valore contabile delle 4 azioni “magiche” americane, invece, oscilla tra l’1,6 di Con. Edison (86,3 Usd; Isin US2091151041) e il 2,3 di Dominion. Pensa a questo rapporto come il prezzo al chilo delle mele: più è basso, più le mele sono convenienti. Non vediamo dunque particolari motivi per cui il mercato debba punire queste azioni in Borsa. Se vuoi scommettere sul fatto che così sarà, puoi comprarle anche tutte e sei. Attenzione, però: devi essere pronto a tenerle nel cassetto per parecchi anni, almeno cinque. Non devi preoccuparti per eventuali ribassi che potrebbero esserci in seguito a un calo generale dei mercati. Col tempo le cose si aggiusteranno.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Occhi puntati sulla crescita 11 mesi fa - lunedì 1 aprile 2019
    Grazie a uno scatto nell’ultima seduta, i listini hanno raddrizzato una settimana iniziata male.

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    Un altro periodo no un anno fa - lunedì 19 novembre 2018
    Bilancio settimanale in rosso un po’ dappertutto. Malgrado il caos sulla Brexit, la Borsa di Londra riesce a fare un po’ meglio delle colleghe (-1,3%, contro il -1,6% di Wall Street e il -1,5% dell’eurozona). Milano tra le peggiori con un -2%.

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 1.067,40 GBp
Minimo degli ultimi 12 mesi 778,00 GBp
ISIN GB00BDR05C01
Borsa Londra
Beta 0,69
Volatilità 18,13 %
Numero di azioni 3.508.270.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 3.732,10 GBp
Settore Energia e servizi alle collettività
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 5.929.669 GBp
Punteggio corporate governance 5
Paesi Gran Bretagna

Indici chiave per azione (GBp)

2019-20 (e) 2018-19 2017-18 2016-17
Dividendo 48,60 47,34 137,98 48,29
Utile corrente 56,00 60,69 59,52 71,69
Utile netto 56,00 44,62 102,57 225,98
Cash Flow corrente 103,64 107,49 103,71 114,59
Cash Flow netto 103,64 91,43 146,77 268,88
EBIT 96,97 85,12 99,74 112,22
EBITDA 144,65 132,01 143,95 155,16
Patrimonio netto 566,62 567,42 561,31 592,52
Patrimonio netto tangibile 384,57 395,31 399,05 415,19

Rendimento in euro

National Grid Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi 24,86 % 6,43 % 9,77 %
Rendimento ultimi 6 mesi 38,15 % 13,91 % 16,67 %
Rendimento ultimo anno 36,70 % 15,57 % 25,78 %
Rendimento annualizzato degli ultimi 5 anni 6,01 % 2,29 % 10,63 %

Indici finanziari della società

2018-19 2017-18 2016-17 2015-16
Pay out 106,55 % 132,20 % 21,12 % 62,37 %
Current ratio 0,87 0,77 1,29 0,82
ROE 10,62 % 10,94 % 12,14 % 17,60 %
ROE netto 7,81 % 18,85 % 38,27 % 19,11 %
Margine lordo 19,30 % 22,64 % 25,75 % 27,03 %
Margine netto 10,14 % 23,29 % 51,84 % 17,16 %
EBIT margin 19,30 % 22,64 % 25,75 % 27,03 %
EBITDA margin 29,93 % 32,67 % 35,60 % 37,70 %
Tax rate 18,29 % -33,15 % 4,58 % 14,45 %
Gearing 136,97 122,04 94,55 186,69
Patrimonio netto / totale attivo 30,76 % 32,06 % 30,96 % 23,02 %

Dati di Borsa per azione

2019-20 (e) 2018-19
Rendimento da dividendo 4,65 % 4,53 %
Prezzo/utile corrente 18,65 17,21
Prezzo/cash flow corrente 10,08 9,72
Prezzo/patrimonio netto 1,84 1,84
Prezzo/patrimonio netto tangibile 2,72 2,64
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 8,85 % -

(e) : stima