PostNL

NL0009739416
Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
1,625 EUR 19/07/2019 11:40 Amsterdam
0,02 EUR (1,12 %) Variazione dall'ultima chiusura
1,43 3,40  52 settimane min max
-44,76 % Rendimento a 1 anno
15,53 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli
Contenuto premium

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi
    Ricavi stabili per PostNL 2 mesi fa - lunedì 20 maggio 2019
    I risultati trimestrali hanno pesato sul titolo. Ora viaggia ai minimi degli ultimi anni ma le incertezze sulle prospettive dal 2020 in poi e sul progetto di fusione con Sandd, ancora in attesa del via libera dell’Antitrust, invitano alla prudenza.
     
     
     
     

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    Sopra le attese i conti di PostNL 4 mesi fa - lunedì 11 marzo 2019
    In occasione della pubblicazione dei risultati del 4° trimestre, superiori alle attese, il gruppo postale olandese ha ufficializzato il progetto di fusione con la società Sandd. L’annuncio ha rilanciato il titolo.

    Prezzo al momento dell’analisi (8/3/2019): 2.26 euro

    Consiglio: mantieni

    PostNL (Isin NL0009739416) ha chiuso il 4° trimestre 2018 con conti sopra le attese: ha arginato il calo degli utili industriali e ha beneficiato di tasse più basse del previsto. Abbiamo, quindi, alzato un po’ le nostre stime sull’utile per azione 2019 (a 0,23 euro) e 2020 (a 0,28 euro). PostNL ha annunciato, inoltre, che conta di acquisire la sua grande rivale Sandd (distribuzione in Olanda di stampe, riviste, pacchi…). Questa operazione potrebbe essere perfezionata entro fine anno e offrire, entro il 2022, sinergie per 50-60 milioni di euro (circa 0,12 euro per azione), essenziali in un mercato in declino. Non è detto, però, che l’operazione vada in porto: anche se i poteri politici non si oppongono, non è scontato il via libera delle autorità sulla concorrenza – la nuova entità controllerebbe, infatti, quasi tutto il mercato postale olandese.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    PostNL, avete sbagliato qualcosa? 8 mesi fa - lunedì 19 novembre 2018
    Ho acquistato il titolo PostNL su vostro consiglio, ma ci sto perdendo il 40%. C’è evidentemente qualcosa che vi è scappato di mano. Come si spiega il calo?

    Un 2018 decisamente sottotono…

    È vero: da inizio anno l’azione PostNL (2,44 euro; Isin NL0009739416) ha perso il 40% in Borsa (-36% tenendo conto dei dividendi). Questo non significa, però, che a priori questo calo fosse prevedibile. I conti pubblicati dal gruppo negli ultimi mesi non si sono rivelati all’altezza delle aspettative, ed è per questo che il titolo è stato punito dal mercato.

    La prima delusione sono stati i risultati del 2017, pubblicati a fine febbraio: la concorrenza in Olanda si è rivelata più forte del previsto dopo la liberalizzazione e questo ha pesato sui volumi di posta consegnata dal gruppo, e, di conseguenza, sui conti. Proprio per questo, già da allora il nostro consiglio è diventato di mantenere, ma non acquistare più PostNL.

    Gran parte del calo del titolo nel 2018 è stato registrato dopo che, a fine febbraio, ti avevamo consigliato di limitarti a mantenere, ma non acquistare più questa azione. L’azione PostNL valeva, in quel momento, 3,93 euro; da allora la flessione è del 38% (-33% tenendo conto dei dividendi).

    Perché non abbiamo consigliato di vendere? Perché già in quel momento la società ha annunciato l’intenzione di intraprendere misure di ristrutturazione per puntare di più sul mercato dei pacchi, in crescita, e meno su quello della posta, sempre più in declino. Per questo abbiamo dato ancora fiducia al gruppo, seppur non al punto tale da consigliarti di acquistare. Purtroppo, anche su questo fronte le aspettative non sono state pienamente rispettate: i conti dei primi trimestri dell’anno hanno mostrato che la ristrutturazione sta andando più per le lunghe rispetto a quanto noi (e il mercato) ci aspettavamo. Ora, però, sembra esserci un punto di svolta.

    …ma il gruppo ha iniziato a reagire

    I conti del 3° trimestre, pur risultando ancora al di sotto delle attese, hanno confermato l’avvio della tanto sperata ristrutturazione. I volumi di attività dall’attività “pacchi”, spinti dal commercio online, sono arrivati a crescere del 20% nel 3° trimestre, arrivando a pesare per la metà dei ricavi totali e compensando il calo dell’11,9% dei volumi di posta “tradizionale”.

    Oltre alla concorrenza nella posta “tradizionale” in Olanda, il gruppo soffre anche dell’agguerrita concorrenza in Europa proprio nel settore dei pacchi. Ma anche su questo fronte sono arrivate notizie importanti: il gruppo ha avviato il processo di vendita delle attività italiane (Nexive) e tedesche (Postcon), che generano perdite, concentrandosi sui mercati del Benelux: una decisione che giudichiamo positiva, perché dovrebbe consentirgli di migliorare i margini di redditività. Meglio, insomma, concentrarsi su pochi Paesi, ma redditizi, piuttosto che disperdere le energie su troppi fronti.

    Nexive è il primo operatore privato sul mercato postale italiano, con una quota di mercato del 15%. Nel 2017, ha consegnato 450 milioni di lettere e 8 milioni di pacchi.

    Spiragli di speranza

    Ci sono, infine, altri tre elementi che ci portano a ben sperare. Primo, il fatto che nonostante i conti deludenti il gruppo abbia confermato l’intenzione di aumentare progressivamente il dividendo (ai prezzi attuali, il rendimento lordo è a doppia cifra). Secondo, il fatto che a differenza di alcuni concorrenti (come Poste italiane) PostNL non si è lanciata nelle attività finanziarie, oggi particolarmente rischiose. Terzo, il fatto che la concorrenza in Olanda potrebbe essere attenuata da un’eventuale fusione con la rivale Sandd. Al momento i giochi sembrano fermi, ma è un’ipotesi allo studio. Per questi motivi, continuiamo a consigliarti di tenere duro e mantenere le tue azioni; prima di vedere gli effetti della svolta ci potrebbe, però, volere ancora del tempo, devi essere disposto a pazientare.

    Se le attese di un dividendo 2018 di 0,25 euro saranno confermate, il rendimento ai prezzi attuali è del 10,3% lordo (6,5% netto).

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Cambi di fronte 10 mesi fa - lunedì 17 settembre 2018
    Settimana positiva per le principali Borse mondiali. New York ha chiuso in rialzo dell’1,2%, Tokio ha messo su il 3,5%, mentre i listini della zona euro, in media, hanno guadagnato l’1,6%. Maglia rosa a Milano, col suo +2,1%.
     
     
     
     

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    Col fiato sospeso: la settimana delle Borse un anno fa - venerdì 18 maggio 2018
    L’incertezza sul nuovo governo tiene sotto scacco la Borsa di Milano, ma i motivi di tensione anche per gli altri listini non mancano: dal rischio di una guerra commerciale globale ai dati che hanno rivelato un andamento poco brillante dell’economia in Cina, Germania e Giappone.
     
     
     
     

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 3,40 EUR
Minimo degli ultimi 12 mesi 1,43 EUR
ISIN NL0009739416
Borsa Amsterdam
Beta 1,11
Volatilità 32,94 %
Numero di azioni 469.199.600
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 0,77 EUR
Settore Industrie e servizi vari
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 10.824 EUR
Punteggio corporate governance 5
Olanda

Indici chiave per azione (EUR)

2019 (e) 2018 2017 2016
Dividendo 0,25 0,24 0,23 0,12
Utile corrente 0,23 0,20 0,33 0,31
Utile netto 0,23 0,07 0,33 0,63
Cash Flow corrente 0,41 0,50 0,49 0,51
Cash Flow netto 0,41 0,37 0,49 0,84
EBIT 0,39 0,18 0,56 0,66
EBITDA 0,58 0,49 0,74 0,87
Patrimonio netto 0,09 0,10 0,08 -0,18
Patrimonio netto tangibile -0,12 -0,11 -0,24 -0,48

Rendimento in euro

PostNL Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi -29,71 % -0,50 % 3,60 %
Rendimento ultimi 6 mesi -20,15 % 10,53 % 14,77 %
Rendimento ultimo anno -44,76 % 0,70 % 10,56 %
Rendimento ultimi 5 anni -13,81 % 2,67 % 12,91 %

Indici finanziari della società

2018 2017 2016 2015
Pay out 342,42 % 70,27 % 19,00 % 0,00 %
Current ratio 1,02 1,04 0,90 0,89
ROE 200,00 % 435,29 % - -
ROE netto 71,74 % 435,29 % - -
Margine lordo - - - -
Margine netto 1,19 % 4,23 % 8,20 % 4,31 %
EBIT margin 3,07 % 7,24 % 8,53 % 8,84 %
EBITDA margin 8,19 % 9,50 % 11,22 % 11,53 %
Tax rate 48,44 % 26,37 % 16,42 % 34,07 %
Gearing 297,96 -72,97 - -
Patrimonio netto / totale attivo 2,89 % 1,78 % -3,93 % -9,15 %

Dati di Borsa per azione

2019 (e) 2018
Rendimento da dividendo 15,53 % 14,91 %
Prezzo/utile corrente 7,00 8,09
Prezzo/cash flow corrente 3,93 3,25
Prezzo/patrimonio netto 17,89 16,43
Prezzo/patrimonio netto tangibile - -
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 16,44 % -

(e) : stima