Royal Dutch Shell A

GB00B03MLX29
Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
28,27 EUR 14/06/2019 17:36 Amsterdam
0,03 EUR (0,09 %) Variazione dall'ultima chiusura
24,95 30,48  52 settimane min max
0,31 % Rendimento a 1 anno
5,87 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli
Contenuto premium

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi
    Royal Dutch: obiettivi 2021-25 9 giorni fa - venerdì 7 giugno 2019
    Tenendo conto dei dividendi, negli ultimi anni l’andamento delle azioni Royal Dutch Shell è stato sostanzialmente allineato a quello medio delle altre azioni del settore petrolifero. 
     
     
     
     

    Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

    Desidero accedere a questo contenuto
  • Analisi
    Royal Dutch Shell: un buon I trimestre 27 giorni fa - lunedì 20 maggio 2019
    Il rialzo del prezzo del greggio registrato dall’inizio dell’anno ha aiutato il recupero del titolo, che comunque sta reggendo bene anche in questi difficili ultimi giorni.

    Prezzo al momento dell’analisi (17/05/2019): 28.92 euro

    Consiglio: mantieni

    Nel 1° trimestre 2019 la liquidità generata dall’attività di Royal Dutch Shell (Isin GB00B03MLX29) è cresciuta di oltre il 16%. Se i prezzi del greggio resteranno sopra i 60 Usd al barile (oggi a circa 72 Usd) le liquidità generate ogni anno dovrebbero salire a 45 miliardi di Usd, un livello sufficiente a finanziare gli investimenti (25/30 miliardi di Usd annui) e i dividendi (16 miliardi Usd annui). Ultimamente il management ha lanciato un grande progetto legato al gas naturale liquefatto (gnl) in Canada: prevede, entro il 2024, la costruzione di un impianto di liquefazione del gas naturale, un gasdotto e un terminale marittimo. L’obiettivo è di beneficiare dell’atteso aumento (5%-6% annuo) della domanda mondiale di gas da qui al 2025. Il gruppo ambisce, infine, a diventare entro il 2030 il maggiore produttore mondiale di elettricità a partire da energie poco inquinanti come è, appunto, il gnl.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Cresce la liquidità di Royal Dutch Shell 4 mesi fa - lunedì 4 febbraio 2019
    Il gruppo ha pubblicato dei buoni conti trimestrali e gli azionisti saranno premiati da un aumento del dividendo e dall’acquisto di azioni proprie. Il titolo risente comunque degli alti e bassi del prezzo del petrolio.

    Prezzo al momento dell’analisi (01/02/2019): 27.20 euro

    Consiglio: mantieni

    Nel 4° trimestre 2018 Royal Dutch Shell (Isin GB00B03MLX29) ha generato 13 miliardi di euro di liquidità, il livello più alto da diversi trimestri, grazie all’aumento della produzione di idrocarburi, alla buona redditività delle attività di raffinazione e a prezzi di vendita più favorevoli rispetto al 4° trimestre 2017. La liquidità generata in tutto il 2018 ha permesso la riduzione del debito. Per il 2019, sono stati confermati investimenti compresi tra 25 e 30 miliardi di dollari (probabilmente più vicini ai 25 miliardi) per ricostituire le riserve di idrocarburi e assicurare la crescita a lungo termine. Piano ambizioso, ma che la società dovrebbe essere in grado di sostenere, anche se le oscillazioni del greggio restano un’incognita. Per prudenza, non cambiamo le stime sull’utile per azione 2019 (2,5 euro; 2,4 nel 2018) e 2020 (2,6 euro).

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Royal Dutch Shell: vende attività 5 mesi fa - lunedì 7 gennaio 2019
    Royal Dutch continua il suo piano di disinvestimenti con la vendita di attività in Nuova Zelanda.

    Prezzo al momento dell'analisi (04/01/19): 26,42 euro
    Consiglio: Mantieni

    Il colosso petrolifero Royal Dutch Shell (Isin GB00B03MLX29), che a fine settembre aveva già ceduto attività per 28 miliardi di Usd, ha perfezionato la vendita di attività in Nuova Zelanda per 578 milioni di Usd. Queste cessioni rientrano nel programma di disinvestimenti da 30 miliardi di USD tra il 2016 e il 2018. Altre cessioni per 5 miliardi di Usd sono previste nel 2019 nel 2020. D’altro canto, il management ha confermato investimenti annui compresi tra 25 e 30 miliardi di Usd. Il titolo resta, comunque, molto dipendente dalle oscillazioni dei prezzi del greggio. 

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Royal Dutch Shell: effetto petrolio 7 mesi fa - giovedì 8 novembre 2018
    La salita dei prezzi del greggio fa lievitare la liquidità generata dal gruppo e di conseguenza favorisce la salita del titolo.

    Prezzo al momento dell'analisi (07/11/2018): 27,85 euro

    Grazie alle sue finanze solide, Royal Dutch può confermare il piano di crescita e continuare gli acquisti di azioni proprie. Ai prezzi attuali, il titolo resta correttamente valutato.

    Consiglio: mantieni

    Nel 3° trimestre, l’utile per azione del gruppo è lievemente inferiore alle attese, ma la liquidità generata dal colosso petrolifero Royal Dutch Shell (Isin GB00B03MLX29) sono salite a 12,1 miliardi di Usd, il livello più alto dal 2014. Il gruppo potrà così investire (la cifra prevista è 5,8 miliardi), pagare un dividendo (3,9 miliardi), acquistare azioni proprie (1,4 miliardi) e con il resto ridurre leggermente il debito, che resta un po’ più elevato di quello dei principali concorrenti. Potrà, inoltre, guardare al futuro con ottimismo e continuare a investire per aumentare la produzione di idrocarburi (petrolio in acque profonde in Brasile e nel Golfo del Messico, gas naturale liquefatto in Canada…). A breve termine, tuttavia, le oscillazioni dei prezzi del greggio (maggiore offerta per l’alleggerimento delle sanzioni degli Usa sul petrolio iraniano) rischia di pesare sui profitti.

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 30,48 EUR
Minimo degli ultimi 12 mesi 24,95 EUR
ISIN GB00B03MLX29
Borsa Amsterdam
Beta 0,59
Volatilità 19,10 %
Numero di azioni 4.457.779.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 126,11 EUR
Settore Energia e servizi alle collettività
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 211.657 EUR
Punteggio corporate governance 5
Olanda

Indici chiave per azione (EUR)

2019 (e) 2018 (e) 2017 (e) 2016
Dividendo 1,66 1,64 1,59 1,70
Utile corrente 2,50 2,40 1,28 0,53
Utile netto 2,50 2,40 1,28 0,53
Cash Flow corrente 5,00 4,80 3,80 3,29
Cash Flow netto 5,00 4,80 3,80 3,29
EBIT 2,50 3,50 1,70 1,02
EBITDA 5,50 6,00 4,70 3,90
Patrimonio netto 21,80 21,00 19,00 21,81
Patrimonio netto tangibile 19,30 18,50 18,00 20,29

Rendimento in euro

Royal Dutch Shell A Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi 3,97 % 1,74 % 2,74 %
Rendimento ultimi 6 mesi 9,87 % 8,50 % 9,06 %
Rendimento ultimo anno 0,31 % -2,01 % 7,59 %
Rendimento ultimi 5 anni 5,43 % 1,77 % 12,30 %

Indici finanziari della società

2018 (e) 2017 (e) 2016 2015
Pay out - - 214,21 % 489,27 %
Current ratio - - 1,17 1,32
ROE - - 2,45 % 1,19 %
ROE netto - - 2,45 % 1,19 %
Margine lordo - - - -
Margine netto - - 1,99 % 0,82 %
EBIT margin - - 3,67 % 0,15 %
EBITDA margin - - 14,08 % 10,10 %
Tax rate - - 14,79 % -7,47 %
Gearing - - 38,91 16,22
Patrimonio netto / totale attivo - - 45,84 % 48,25 %

Dati di Borsa per azione

2019 (e) 2018 (e)
Rendimento da dividendo 5,87 % 5,78 %
Prezzo/utile corrente 11,32 11,79
Prezzo/cash flow corrente 5,66 5,89
Prezzo/patrimonio netto 1,30 1,35
Prezzo/patrimonio netto tangibile 1,47 1,53
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 8,87 % -

(e) : stima

×
Partecipa al sondaggio:
royal-dutch-shell-a
Raccomanderesti l'utilizzo di questa pagina alla tua famiglia e ai tuoi amici? Puoi indicare un giudizio compreso tra 1 (assolutamente no) e 10 (assolutamente sì) *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Lasciaci un commento (opzionale)
Invia