Sanofi FR0000120578

Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
87,74 EUR 26/05/2017 17:35 Parigi
0,43 EUR (0,49 %) Variazione dall'ultima chiusura
67,30 92,97  52 settimane min max
22,46 % Rendimento a 1 anno
3,44 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli

Contenuto premium

I consigli dei nostri esperti e le nostre valutazioni di rischio sono riservati agli abbonati. Desideri accedere?

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi
    Sanofi: buone notizie un mese fa - venerdì 31 marzo 2017
    Le autorità sanitarie americane hanno approvato il Dupixent, un farmaco che dovrebbe sostenere la crescita di Sanofi.
     
     
     
     

    Il parere dei nostri esperti e le nostre valutazioni del rischio sono solo per gli abbonati. Vuoi accedere?

    Voglio accedere a questo contenuto!
  • Analisi
    Sanofi: prospettive incerte 3 mesi fa - mercoledì 15 febbraio 2017
    I problemi incontrati nel 2016 peseranno sui risultati di Sanofi nei prossimi anni.

    Prezzo al momento dell'analisi (14/02/2017): 80,5 euro

    Ai prezzi attuali, viste le prospettive molto incerte, l’azione non è, secondo noi, da acquistare.
    Consiglio: mantieni
    Nonostante un fatturato in crescita (+1,2% senza effetti di cambio) grazie a Genzyme (+17%) e ai vaccini (+9%), il 2016 è stato un anno critico per Sanofi (Isin FR0000120578). Nel settore della cura del diabete il suo fatturato è sceso del 2% (la forte concorrenza pesa sui prezzi) e la situazione non è destinata a migliorare con l’arrivo di un biosimilare dell’insulina Lantus (-9%) e la decisione degli assicuratori americani di non rimborsarla più. Certo Sanofi ha lanciato Soliqua (insulina a lunga durata), ma dovrà competere con lo Xultophy di Novo Nordisk. Inoltre, le vendite del vaccino Dengvaxia (contro la dengue) e dell’anticolesterolo Praluent (a rischio di ritiro negli Usa) sono deludenti. Infine, due tentativi di acquisizione (Medivation e Actelion) sono falliti. Risultato, Sanofi ha pochi farmaci promettenti, eccetto il Dupixent (contro l’eczema) e il Kevzara (cura dell’artrite reumatoide).

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Sanofi: interesse per Actelion 5 mesi fa - lunedì 12 dicembre 2016
    Anche Sanofi sarebbe interessata ad acquisire la svizzera Actelion, specializzata nel trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare.
    Prezzo al momento dell'analisi (09/12/2016): 76,33 euro
    Ai prezzi attuali l’azione resta correttamente valutata.
    Consiglio: mantieni
    Dopo l’americana Johnson & Johnson, ora anche la francese Sanofi (Isin FR0000120578) starebbe considerando la possibilità di lanciare un’offerta sulla società svizzera di biotecnologie Actelion. Ad attrarre i compratori è soprattutto la forte crescita delle vendite dell’Opsumit e dell’Uptravi; due prodotti di Actelion per trattare l’ipertensione polmonare, che dovrebbero prendere il posto del Tracleer, il cui brevetto sta per scadere. Vista la posta in gioco, il conto da pagare rischia, però, di essere molto salato. Limitati a mantenere questa azione correttamente valutata.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Sanofi: tra luci e ombre 6 mesi fa - giovedì 10 novembre 2016
    Visti i solidi risultati trimestrali e il piano d’acquisto di azioni proprie, alziamo le stime sull’utile per azione 2016 (a 3,65 euro) e 2017 (3,80 euro). Ma ci sono anche delle incertezze.

    Prezzo al momento dell'analisi (09/11/2016): 77,15 euro

    Consiglio: mantieni

    Nel 3° trimestre il fatturato di Sanofi (Isin FR0000120578) è salito del 3% (senza effetti di cambio), trainato da Genzyme (+17%) e dai vaccini (+14%). Persistono, però, delle zone d’ombra: da una parte, l’attività diabete (-1,5%) resta depressa, dall’altra, mancano nuovi vettori di crescita, anche se Sanofi conta su sei importanti molecole da qui al 2025. Le vendite del Toujeo (diabete), Praluent (colesterolo) e Dengvaxia (vaccino contro la dengue) non sono, però, all’altezza delle aspettative; l’omologazione negli Usa del Sarilumab (poliartrite reumatoide) è stata rinviata; il Lixilan e il Dupixent sono ancora in corso d’omologazione. Intanto, Sanofi continua la trasformazione: lo scambio di attività con Boehringer Ingelheim dovrebbe realizzarsi entro fine anno, mentre le attività relative ai farmaci generici in Europa dovrebbero essere cedute nei prossimi due anni.

    condividi questo articolo

  • Analisi
    Sanofi: pesanti contrattempi negli Stati Uniti 10 mesi fa - giovedì 4 agosto 2016
    Le difficoltà nel settore della cura del diabete aumentano. Nulla che ci rassicura, dopo un secondo trimestre deludente.
    Prezzo al momento dell'analisi (4 agosto 2016): 73,42 euro
    Consiglio: mantieni
    ISIN: FR0000120578?
    CVS Caremark, secondo assicuratore sanitario degli Stati Uniti, non rimborserà più gli acquisti degli antidiabetici Lantus e Toujeo (versione migliorata del Lantus) a partire dal 1^ gennaio 2017. Una brutta notizia per Sanofi che, dopo aver perso il brevetto sul Lantus, contava su Toujeo (in piena fase di lancio) per recuperare terreno. Mais alla fine dell’anno, la concorrente Eli Lilly commercializzerà il Basaglar, un farmaco simile ad un prodotto biologico, meno costoso e che CVS Caremark ha scelto di privilegiare. Una scelta che potrebbe esser seguita anche da altri assicuratori sanitari. Le vendite complessive del secondo trimestre, scese dello 0,9% per effetto dei cambi, sono state deludenti a causa della diminuzione del 15,7% delle vendite del Lantus negli Stati Uniti (pressione al ribasso dei prezzi). Ai problemi sui farmaci antidiabetici si sono aggiunte le difficoltà in Venezuela, un paese in piena tormenta. Sanofi spera di sostenere la crescita puntando sull’oncologia, acquistando Medivation. Un’operazione che rischia di essere dispendiosa, inoltre lo scambio di attivi con Boehringer Ingelheim (prodotti per animali in cambio di farmaci prescrivibili senza ricetta) dovrebbe chiudersi entro fine 2016. Abbassiamo le nostre previsioni sugli utili per azione 3,4 a 3,2 euro per il 2016 e da 3,45 a 3,25 euro per il 2017.

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 92,97 EUR
Minimo degli ultimi 12 mesi 67,30 EUR
ISIN FR0000120578
Borsa Parigi
Beta 0,73
Volatilità 19,17 %
Numero di azioni 1.292.022.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 112,81 EUR
Settore Salute e farmacia
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 193.454 EUR
Punteggio corporate governance 6

Indici chiave per azione (EUR)

2017 (e) 2016 2015 2014
Dividendo 3,00 2,96 2,93 2,85
Utile corrente 3,90 3,66 3,28 3,34
Utile netto 7,40 3,66 3,28 3,34
Cash Flow corrente 6,55 6,13 6,45 6,06
Cash Flow netto 10,05 6,13 6,45 6,06
EBIT 5,55 5,61 4,38 4,67
EBITDA 8,25 8,12 7,63 7,47
Patrimonio netto 45,90 42,26 41,68 40,00
Patrimonio netto tangibile 13,60 10,59 11,29 10,07

Rendimento in euro

Sanofi Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi 11,89 % 5,98 % -3,84 %
Rendimento ultimi 6 mesi 19,80 % 14,51 % 3,19 %
Rendimento ultimo anno 22,46 % 12,50 % 14,82 %
Rendimento ultimi 5 anni 13,61 % 10,09 % 15,38 %

Indici finanziari della società

2016 2015 2014 2013
Pay out 80,70 % 88,64 % 84,97 % 99,54 %
Current ratio 1,88 1,72 1,80 1,71
ROE 8,76 % 7,90 % 8,38 % 6,99 %
ROE netto 8,76 % 7,90 % 8,38 % 6,99 %
Margine lordo 69,10 % 68,53 % 67,67 % 67,00 %
Margine netto 12,83 % 11,74 % 13,22 % 11,63 %
EBIT margin 19,28 % 15,32 % 18,01 % 15,33 %
EBITDA margin 27,93 % 26,65 % 28,82 % 31,88 %
Tax rate 25,97 % 17,41 % 20,62 % 16,45 %
Gearing 15,40 13,61 14,22 11,88
Patrimonio netto / totale attivo 51,52 % 53,18 % 53,94 % 55,50 %

Dati di Borsa per azione

2017 (e) 2016
Rendimento da dividendo 3,44 % 3,39 %
Prezzo/utile corrente 22,39 23,86
Prezzo/cash flow corrente 13,33 14,25
Prezzo/patrimonio netto 1,90 2,07
Prezzo/patrimonio netto tangibile 6,42 8,25
Prezzo per valore patrimoniale netto - -
Rendimento a lungo termine 6,33 % -

(e) : stima

  • Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • (The response is mandatory)

    Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Invia