Telefônica Brasil US87936R1068

Avvisi: ON/OFF
Aggiungi al portafoglio
14,79 USD 28/04/2017 22:04 New York
0,10 USD (0,68 %) Variazione dall'ultima chiusura
11,42 15,60  52 settimane min max
32,20 % Rendimento a 1 anno
5,17 % Rendimento da dividendo
tutti i dettagli

Contenuto premium

I consigli dei nostri esperti e le nostre valutazioni di rischio sono riservati agli abbonati. Desideri accedere?

Come valutiamo le azioni

Articoli

  • Analisi

    Telefonica Brasil: il punto sulla situazione

    10 mesi fa - lunedì 4 luglio 2016
    Il gruppo sembra, però, aver ritrovato la crescita e dovrebbe approfittare anche delle difficoltà della concorrente Oi.
     
     
     
     

    Il parere dei nostri esperti e le nostre valutazioni del rischio sono solo per gli abbonati. Vuoi accedere?

    Voglio accedere a questo contenuto!
  • Analisi

    Un rimbalzo fragile: la settimana delle Borse

    un anno fa - lunedì 25 gennaio 2016
    Negli ultimi giorni la tensione sui mercati si è stemperata. Ma la calma potrebbe non durare.
    Variazioni settimanali su prezzi al 22/01/16

    Nelle prime tre sedute della scorsa settimana Milano ha perso il 6,4%. Poi, in due ha recuperato il 5,9%. Clamorosa Mps (0,75 euro): in tre giorni -43%, poi in due +47% – alla larga dal titolo. Anche Tokio, per esempio, ha fatto prima -6,6% e poi +5,9%. La risalita è legata alle speranze di un intervento da parte delle Banche centrali a sostegno delle Borse. Il che la dice lunga su quanto queste, per salire, siano dipendenti dalla “droga” di liquidità e su quanto fragili possano essere le basi di questo rimbalzo. New York ha perso prima l’1,1% e poi ha fatto +2,6%. Merito anche di alcuni buoni risultati societari, come quelli di Verizon (47,04 Usd; Isin US92343V1044). Il titolo ha messo su il 5,9%, ma resta uno dei cavalli su cui puntare se il tuo orizzonte d’investimento è lungo – se, invece, investi a 5 anni e non vuoi correre rischi non lo devi avere. Tutta in discesa la settimana di Saipem, che ha perso il 37% circa. L’aumento di capitale è partito lunedì 25: in mattinata (ore 12) Saipem quotava 0,56 euro e il diritto di opzione non faceva prezzo (ribasso teorico di -20% a 2,98 euro). Se non hai le Saipem restane alla larga. Se le hai mantenute fin qui non investirci ancora, ma limitati a mantenere: devi quindi vendere una parte dei diritti per poter esercitare la restante parte; quanti diritti vendere lo trovi qui sul nostro sito https://www.altroconsumo.it/finanza/saipem-aumento-di-capitale-al-via-s5318414.htm. Puoi accettare la conversione delle Enel green power (1,77 euro) in azioni Enel (3,73 euro) a patto, però, di non aumentare troppo il peso di queste ultime in portafoglio. Altrimenti (o se non vuoi entrare in Enel che è solo correttamente valutata) vendi le Green power in Borsa: il prezzo è allineato a quello di recesso (1,78 euro), ma se recedi vedi i soldi tra una vita.

     

    Risposte per te

    @Massimiliano La somma ricevuta è solo una parte del dividendo di Total, che di solito stacca il dividendo in quattro fette. La nostra stima di 2,44 euro è per tutto l’anno.

    @Pietro Non puoi usare le minusvalenze sulle azioni per compensare le plusvalenze sui tuoi Etf azionari – sono plusvalenze che non possono essere mai compensate con niente.

    @Viviana Telefônica Brasil stacca spesso fettine piccine di dividendo. A volte vengono pagate subito, a volte anche dopo 9 mesi assieme ad altre fettine. Per ora tutto in regola.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    Tassi sottozero? Tu guadagna così

    un anno fa - lunedì 21 dicembre 2015
    Esistono azioni che pagano dividendi costanti, non espongono a grandi rischi in Borsa e non sono bond subordinati di Banca Etruria. Eccoli.
    Occhio alla cedola…
    Innanzitutto, i titoli che stiamo cercando devono pagare un bel dividendo ogni anno. Alcune azioni svizzere lo fanno, ma sui loro dividendi il fisco si porta via oltre il 50% della somma. È importante, quindi, fare i conti al netto della tassazione. Abbiamo ordinato gli oltre 200 titoli della nostra selezione per il dividendo netto atteso: abbiamo considerato quello che secondo noi sarà pagato nel 2017 a valere sui conti del 2016. La società che prende la medaglia d’oro è Seaspan (15,05 Usd). Ai prezzi attuali offre un rendimento da dividendo del 6,7% netto annuo – vedi tabella. Non male davvero, ma è da comprare?
     
    … ma anche al prezzo del titolo…
    Stiamo parlando di un’azione: l’andamento in Borsa non deve vanificare quanto ti incassi col dividendo. Seaspan è una società che compra e affitta a terzi navi porta-container. Oggi, come dimostra l’andamento in Borsa dell’ultimo anno e mezzo, sta attraversando una fase delicata: c’è un eccesso di navi rispetto alla domanda e il gruppo sta ristrutturando la sua flotta. Abbiamo ridotto negli ultimi mesi le stime sugli utili del 2016 di circa il 20%: è un titolo correttamente valutato, ma nulla di più. Inoltre è abbastanza rischioso: ha un livello 4 su una scala che va da un minimo di 1 a un massimo di 5. Insomma, il prezzo rischia di essere troppo ballerino e non è quello che ci aspettiamo da un’azione-bond. Per questo Seaspan non è il titolo che fa al caso tuo. Riduciamo, quindi, il campo di scelta alle azioni convenienti da cui ci aspettiamo una bella crescita del prezzo in Borsa. Il primo della lista è Telefônica Brasil (9,46 Usd), che offre un rendimento da dividendo del 5,9% netto annuo. È questo da prendere?
     
    … e all’impegno del management
    La cedola alta per ora c’è. Le prospettive di prezzo, almeno nel lungo periodo, pure. Manca, però, un terzo elemento: il dividendo resterà alto per diversi anni? In passato la società non è stata molto costante. Per questo non può essere questa l’“azione-bond” cercata. Stessa cosa per le altre due che vengono subito dopo in lista: Rio Tinto (1.862,5 pence; rendimento da dividendo del 5,5%) e Vodafone (211,3 pence; rendimento da dividendo del 4,2%). La prima quando c’è stato il tracollo dei prezzi delle materie prime dopo il fallimento di Lehman Brothers, ha tagliato il dividendo e questo, in un contesto di continuo ribasso dei prezzi della materie prime, ci mette sull’attenti. Persino Vodafone, nonostante 15 anni di dividendi in salita, riserva un rischio, per quanto piccolo, di riduzione visti gli investimenti ingenti che sta facendo. Sono titoli ottimi, ma non sono quello che cerchiamo qui.
     
    Viaggio a londra o a New york
    L’azione che stiamo cercando, secondo noi, è National Grid (914,4 pence; Isin GB00B08SNH34). Offre un rendimento da dividendo del 3,6% netto annuo, è conveniente, e da quando è in Borsa ha sempre staccato un dividendo costantemente crescente nel tempo. È la società che gestisce la rete di distribuzione di elettricità e gas nel Regno Unito, un’attività tutelata da norme di legge che rendono la sua attività stabile. Stacca il dividendo due volte l’anno: un acconto a novembre e un saldo a giugno. Non ti basta? Vuoi una cedola più frequente? Scegli l’americana AT&T(33,6 Usd; Isin US00206R1023).

    Le magnifiche 20 su oltre 200
    Azione
    Prezzo
    Isin
    Rend. da div.
    Consiglio (per il lungo periodo)
    Seaspan
    15,05 USD
    MHY756381098
    6,7%
    Mantieni
    BP
    339,3 p.
    GB0007980591
    6,0%
    Mantieni
    Telefônica Brasil
    9,46 USD
    US87936R1068
    5,9%
    Acquista
    UnipolSai
    2,28 EUR
    IT0004827447
    5,7%
    Vendi
    Rio Tinto
    1.862,5 p.
    GB0007188757
    5,5%
    Acquista
    Royal Dutch Shell A
    20,3 EUR
    GB00B03MLX29
    5,3%
    Mantieni
    Sabesp
    4,3 USD
    US20441A1025
    5,2%
    Mantieni
    Pearson
    748,5 p.
    GB0006776081
    5,1%
    Mantieni
    Eni
    13,5 EUR
    IT0003132476
    4,9%
    Mantieni
    GlaxoSmithKline
    1,334 p.
    GB0009252882
    4,4%
    Mantieni
    Vodafone Group
    211,3 p.
    GB00BH4HKS39
    4,2%
    Acquista
    Telefónica
    10,38 EUR
    ES0178430E18
    4,2%
    Mantieni
    Poste Italiane
    7,16 EUR
    IT0003796171
    3,9%
    Mantieni
    National Grid
    914,4 p.
    GB00B08SNH34
    3,6%
    Acquista
    AT&T
    33,6 USD
    US00206R1023
    3,6%
    Acquista
    Snam
    4,8 EUR
    IT0003153415
    3,5%
    Mantieni
    BME
    33,14 EUR
    ES0115056139
    3,5%
    Mantieni
    Nordea
    91,65 SEK
    SE0000427361
    3,4%
    Mantieni
    Enel
    3,92 EUR
    IT0003128367
    3,4%
    Mantieni
    Schnitzer Steel
    14,18 USD
    US8068821060
    3,3%
    Acquista

     
    Il colosso della telefonia Usa offre un rendimento da dividendo del 3,6% netto annuo, è conveniente, e da quando è in Borsa stacca un dividendo sempre in crescita. Lo paga in quattro fette: stacca a gennaio, aprile, luglio e ottobre. Attenzione: se la tua banca ti fa pagare alte spese per l’incasso dei dividendi e se l’investimento complessivo nel titolo è piccolo, inferiore ai 10.000 dollari le spese rischiano di mangiarsi molto del guadagno. In ogni caso ricorda che sono investimenti di lungo periodo e non devi investire tutto in una sola azione. Diversifica su più titoli; meglio ancora se segui una più generale strategia di portafoglio – per orientarti guarda qui.
     
    Per restare a casa nostra
    E se non si può o non si vuole comprare su Borse estere? C’è una soluzione, anche se non è l’ideale: è l’Etf Ubs Dj global select dividend Ucits A-dis (8,125 euro; Isin IE00BMP3HG27) quotato a Piazza Affari. Punta su 100 azioni sparse per il mondo che negli ultimi anni hanno dato buoni dividendi. E questo sulla carta è un bene. Stacca il dividendo due volte l’anno, a gennaio e a luglio. Fin qui, dal momento della quotazione, ha offerto un rendimento da dividendo netto annuo pari a circa il 4,1% netto annuo. Attenzione, però: le azioni sono scelte con criteri che guardano solo al passato. C’è il rischio di incappare in titoli cari che, quindi, rischi di scontare a livello di andamento del prezzo dell’Etf in Borsa. E un indizio in questo senso arriva dal fatto che da quando è stato quotato, il prezzo dell’Etf è sceso, facendo sì che l’investimento rendesse, dividendi inclusi, circa il 2% rispetto al circa 14% che avrebbe reso un generico investimento sulle Borse mondiali e al 20% offerto sia da National Grid, sia da AT&T. Ma tutto non si può avere.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    Telefônica Brasil: il punto della situazione

    un anno fa - lunedì 14 dicembre 2015
    Il calo del titolo, amplificato dal deprezzamento del real rispetto al dollaro Usa, ci sembra eccessivo.
    Prezzo al momento dell'analisi (11/12/15): 9,43 USD
    Consiglio: Acquista


    Da inizio anno Telefônica Brasil (Isin US87936R1068) ha perso quasi il 47% in Borsa. È vero, i suoi ultimi risultati hanno pagato la recessione brasiliana (-16% l’utile per azione nel 3° trimestre) e la situazione del Paese non è delle migliori, ma la società tutto sommato se la cava. Nonostante una concorrenza resa più agguerrita dalla congiuntura negativa, Telefônica Brasil è, infatti, riuscita a conquistare nuove quote di mercato, senza peraltro mettere a rischio la sua redditività, che resta su livelli soddisfacenti. In più, con l’acquisizione della società GVT, grazie alla quale diventerà numero uno indiscusso delle telecom brasiliane, il gruppo ha ampliato la sua offerta commerciale e la sua copertura sul territorio brasiliano. Infine, avendo delle finanze solide, potrà continuare a offrire dividendi generosi. Per tutti questi motivi il titolo è conveniente.

    condividi questo articolo

  • Analisi

    Cortocircuito: la settimana delle Borse

    un anno fa - lunedì 14 dicembre 2015
    New York -3,8%, Londra -4,6%, Europa -4%.
    Variazioni settimanali su prezzi all'11/12/15

    La Cina rallenta ancora: per il 5° mese di fila le esportazioni sono scese. E anche negli Usa l’economia non va a gonfie vele. Con le locomotive globali che arrancano, a pagare dazio sono state soprattutto le materie prime. In particolare il petrolio il cui prezzo ha perso l’11,3%. I titoli delle compagnie petrolifere hanno contenuto il calo al 6,3%. Noi restiamo ottimisti su un rialzo a lungo periodo – ci sono sempre meno investimenti e questo dovrebbe ridurre l’offerta di greggio – ma non escludiamo altra debolezza a breve. Ti ribadiamo il consiglio: nessuna speculazione di breve periodo sul greggio, soprattutto con Etf e certificate legati al prezzo dell’oro nero. Compra, per puntare sulla ripresa che verrà, una società petrolifera, che è in grado di attutire i ribassi. Acquista Chevron (86,44 Usd; Isin US1667641005) per via dei bassi costi produttivi. Non per nulla in settimana ha perso il 3,6%, meno del settore. Mantieni Ion Geophysical (0,42 Usd, -17,6%; Isin US4620441083): il lavoro scarseggia, ma almeno il rischio di un “delisting” sembra scongiurato – il 1° febbraio dovrebbero conoscersi i dettagli del raggruppamento azionario che permetterà al titolo di restare quotato su New York. In questo clima, l’aumento dei tassi d’interesse negli Usa, che dovrebbe scattare mercoledì 16 per la prima volta dopo quasi 10 anni, sembra tornare a far paura. Lo si dava per “digerito”, ma evidentemente non è così.

    Risposte per te
    @Carlo Con la piattaforma Plus500 non fai trading su azioni come fai con la tua banca, ma su “derivati” chiamati cfd. Te la sconsigliamo (più dettagli su Soldi Sette n° 966).
    @Giovanni Telefônica Brasil stacca regolarmente dividendi, ma il pagamento avviene dopo tanti mesi (vedi Soldi Sette n° 917). Per il 2016 stimiamo un dividendo di 0,75 Usd.
    @Giuseppe Non indichiamo target price: non lo riteniamo un indicatore utile. I consigli sulle azioni in selezione sono verificati e aggiornati ogni giorno sul nostro sito internet.

    condividi questo articolo

Altro

Informazioni chiave

Carta d'identità

Massimo degli ultimi 12 mesi 15,60 USD
Minimo degli ultimi 12 mesi 11,42 USD
ISIN US87936R1068
Borsa New York
Beta 1,05
Volatilità 31,80 %
Numero di azioni 1.119.340.000
Capitalizzazione di Borsa (in miliardi) 16,44 USD
Settore Telecomunicazioni
Volume delle transazioni (media giornaliera, in migliaia) 24.493 USD
Punteggio corporate governance 4

Indici chiave per azione (USD)

2017 (e) 2016 (e) 2016 2015 (e)
Dividendo 0,76 0,57 - 1,00
Utile corrente 0,83 0,72 - 0,70
Utile netto 0,83 0,72 - 0,70
Cash Flow corrente 2,37 0,08 - 2,23
Cash Flow netto 2,37 2,08 - 2,23
EBIT 1,27 1,13 - 1,13
EBITDA 2,81 2,48 - 2,66
Patrimonio netto 12,96 12,60 - 10,15
Patrimonio netto tangibile 8,37 8,15 - 6,53

Rendimento in euro

Telefônica Brasil Stoxx Europe 600 S&P 500
Rendimento ultimi 3 mesi -0,30 % 5,84 % 2,56 %
Rendimento ultimi 6 mesi 6,40 % 13,49 % 12,52 %
Rendimento ultimo anno 32,20 % 11,33 % 18,66 %
Rendimento ultimi 5 anni -0,10 % 8,40 % 15,74 %

Indici finanziari della società

2016
Pay out - - 79,37 % -
Current ratio - - 0,90 -
ROE - - 5,90 % -
ROE netto - - 5,90 % -
Margine lordo - - 51,01 % -
Margine netto - - 9,61 % -
EBIT margin - - 14,98 % -
EBITDA margin - - 32,99 % -
Tax rate - - 20,44 % -
Gearing - - 5,89 -
Patrimonio netto / totale attivo - - 67,84 % -

Dati di Borsa per azione

2017 (e) 2016 (e) 2016
Rendimento da dividendo 5,17 % 3,88 % -
Prezzo/utile corrente 17,70 20,40 -
Prezzo/cash flow corrente 6,20 183,63 -
Prezzo/patrimonio netto 1,13 1,17 -
Prezzo/patrimonio netto tangibile 1,76 1,80 -
Prezzo per valore patrimoniale netto - - -
Rendimento a lungo termine 7,19 % - -

(e) : stima

  • Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • (The response is mandatory)

    Precedente Seguente

  • Precedente Seguente

  • Invia