iShares euro corporate bond ex financials

IE00B4L5ZG21
Avvisi
Aggiungi al portafoglio
116,20 EUR 24/04/2018 16:04 Borsa Italiana
- Variazione dall'ultima chiusura
Obbligazionari - Societari Politica d'investimento
0,61 % Rendimento a 1 anno
0,20 % Total expense ratio (TER)
tutti i dettagli

Contenuto premium

I consigli dei nostri esperti e le nostre valutazioni di rischio sono riservati agli abbonati. Desideri accedere?

Articoli

  • Analisi
    Bce, inizia la svolta 6 mesi fa - venerdì 27 ottobre 2017
    La Bce ha annunciato una svolta nella sua strategia. Che fare con i tuoi investimenti in euro? Nervi saldi, ma non legarti le mani con i conti deposito.
    banconote euro

    banconote euro

    Giro di boa

    Nella riunione di giovedì la Bce (Banca centrale europea) ha cominciato a stringere i cordoni della Borsa. La Bce ha, cioè, annunciato un taglio degli acquisti di titoli on cui fornisce liquidità al mercato: oggi lo sta facendo al ritmo di 60 miliardi al mese, da gennaio 2018 ridurrà lo shopping a 30 miliardi al mese per nove mesi.

    Strategia graduale

    C’è da preoccuparsi? Secondo noi, no, e per diversi motivi.

    Primo: è vero che si tratta di un punto di svolta nella strategia della Bce, ma stiamo comunque parlando di un proseguimento del piano di acquisti, seppure a ritmi più blandi (e oltre a questo viene reinvestita in nuovi titoli anche la liquidità proveniente dai titoli in scadenza). Siamo, insomma, ben lontani dalla strategia della Fed, la Banca centrale Usa, che a ottobre ha cominciato il vero e proprio “drenaggio” della liquidità (vedi riquadro).

    Secondo: la Bce sta cominciando a ridurre il doping perché il “malato”, l’economia europea, comincia a dare segni di miglioramento. Non stiamo ancora parlando di un’economia in piena salute, ma almeno si cominciano a vedere dei segni più per la crescita e la produzione industriale.

    Terzo: l’acquisto di titoli è solo una delle armi a disposizione della Bce per sostenere i mercati. Ci sono anche i tassi ufficiali (e su questo fronte siamo ben lontani da un rialzo) e le indicazioni sulla futura politica monetaria (che spesso hanno più impatti sui mercati delle manovre vere e proprie – già in questa riunione, per esempio, la Bce ha dichiarato di essere pronta a prorogare ulteriormente gli acquisti, o a tornare ad aumentarli, se fosse necessario). Infine, ha a disposizione altri strumenti “alternativi” già usati in passato, come fornire liquidità alle banche in cambio dell’erogazione di prestiti a famiglie e imprese.

    Quarto: la mossa della Bce era attesa dai mercati e non ha portato, quindi, grandi impatti su tassi e cambi al momento dell’annuncio.

    Nervi saldi

    Morale, ci aspettiamo che i tassi dei bond in euro riprendano lentamente a salire, ma senza grandi scossoni, tanto più che l’inflazione rimane sotto controllo. Non vediamo, di conseguenza, motivi per cambiare radicalmente la nostra strategia: continua a dividere in tre parti la “fetta” di portafoglio da dedicare ai bond in euro. Una parte dedicala alle obbligazioni bancarie che ti segnaliamo a pagina 13; la seconda parte investila in un Etf a scelta tra Amundi euro high yield liquid bond iboxx (221,09 euro, Isin FR0011494822) e iShares euro high yield corporate bond (107,57 euro, Isin IE00B66F4759). La terza parte, infine, dedicala ai conti deposito.

    Non legarti le mani

    Attenzione però. Seppur graduale, si tratta pur sempre di un altro passo verso il “ritorno alla normalità” e a tassi di mercato più alti. Per questo, è il momento di cominciare a scegliere conti deposito che non ti leghino le mani troppo a lungo, permettendoti di cambiare velocemente cavallo quando i tassi saranno più alti.

    Fino ad oggi ti abbiamo suggerito di non scegliere conti vincolati con scadenze oltre i 18 mesi; ora anche questo periodo comincia a essere un po’ troppo lungo. Mantieni i conti vincolati che già hai, ma per i nuovi investimenti scegli conti di deposito liberi.

    È vero che in questo modo non hai la certezza di mantenere il tasso offerto anche nei prossimi mesi (la banca può cambiarlo in qualunque momento semplicemente avvisandoti). È anche vero, però, che dopo i pesanti tagli del passato ormai il rischio di ulteriori “sforbiciate” è limitato.

    Fed, da pompa a spugna

    La Banca centrale Usa è già andata molto oltre, rispetto alla Bce, nel ritorno alla normalità. Ha, infatti, smesso di “pompare” nuova liquidità nel mercato, e ha anzi iniziato a “riassorbire” quella immessa in passato. Come? Acquistando titoli per una quantità inferiore a quelli in scadenza. Se, per esempio, ha nel suo bilancio 80 miliardi di titoli in scadenza nel mese di ottobre, acquista titoli nuovi solo per 70 miliardi. Per ora la differenza tra titoli in scadenza e titoli riacquistati è di 10 miliardi al mese, ma aumenterà gradualmente fino a 50 miliardi al mese. Il che significa che la liquidità presente sul mercato diminuirà sempre più velocemente.

    condividi questo articolo

Dettagli

Carta d'identità

Codice ISIN IE00B4L5ZG21
Forma giuridica Fondo di diritto irlandese
Passaporto europeo si
Data di lancio 25/09/2009
Politica d'investimento Obbligazionari - Societari
Dimensioni del fondo (29/03/2018) 1457,630 Milioni di EUR
Gestore BlackRock Advisors (UK) Limited
Commissioni di gestione annue 0,20 %
Total Expense Ratio (TER) 0,20 %
Fondo Etico no
Fondo di fondi no
Frequenza di calcolo Giornaliera
Dividendi si

Dividendi

Frequenza di distribuzione Semestrale
Mese di distribuzione Gennaio,Luglio
Importo dell'ultimo dividendo 0,79 EUR
Data dell'ultimo dividendo 11/01/2018

Statistiche

Valutazione del rischio
Volatilità del fondo 2,96 %
Volatilità del benchmark 2,60 %
Beta 1,12
Tracking error 0,16 %
Correlazione col benchmark 0,98
Valutazione del rischio
Alfa -0,06 %
Indice di Sharpe 0,99
Indice di Treynor 2,63

Performance in EUR (23/04/2018)

Fondo Benchmark
Rendimento a 1 mese -0,23 % -0,15 %
Rendimento a 3 mesi -0,84 % -0,62 %
Rendimento a 6 mesi -0,62 % -0,27 %
Rendimento a 1 anno 0,61 % 0,83 %
Rendimento a 3 anni 1,14 % 1,05 %
Rendimento a 5 anni 2,74 % 2,85 %
Rendimento a 10 anni - 4,94 %

Principali poste di portafoglio (31/03/2018)

Categoria Pesi
Obbligazioni 100,48 %
Liquidità -0,48 %
Valuta Pesi
EUR - Euro 99,81 %
USD - Dollaro americano 0,02 %
GBP - Sterlina inglese 0,00 %
Principali titoli in portafoglio Pesi
BLACKROCK ICS INST EURO LIQ AGENCY DIST 0,82 %
ORANGE SA 8.125% 28-JAN-2033 0,45 %
ENEL FIN 5.000% 14-SEP-2022 0,31 %
ANHEUSER BUSCH INBEV NV 2.750% 17-MAR-2036 0,30 %
ANHEUSER BUSCH INBEV NV 2.000% 17-MAR-2028 0,27 %
AUTORTS SUD FRA 5.625% 04-JUL-2022 0,26 %
DEUT ANN FIN 1.625% 15-DEC-2020 0,24 %
TOTAL SA PERP 0,24 %
TLEFONICA EMISNS 4.693% 11-NOV-2019 0,23 %
VOLKSWAGEN INTERNATIONAL FINANCE NV 1.875% 30-MAR- 0,23 %
×
Partecipa al sondaggio:
ishares-euro-corporate-bond-ex-financials
Raccomanderesti l'utilizzo di questa pagina alla tua famiglia e ai tuoi amici? Puoi indicare un giudizio compreso tra 1 (assolutamente no) e 10 (assolutamente sì) *
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Lasciaci un commento (opzionale)
Invia