News
La Federal Reserve alza i tassi un anno fa - giovedì 16 marzo 2017
La Federal Reserve ha portato i tassi all'1%
La Federal Reserve è la Banca centrale americana

La Federal Reserve è la Banca centrale americana

Come ampiamente previsto, la Federal Reserve, la Banca centrale Usa, ha deciso di alzare i tassi di uno 0,25%, portandoli così tra lo 0,75% e l'1%. La Federal Reserve ha alzato i tassi perché ha rilevato un ulteriore miglioramento nel mercato del lavoro, negli investimenti delle imprese e nella spesa dei consumatori. Nel frattempo l'inflazione core, cioè quella di fondo - calcolata senza contare alimentari e energia - è sempre più vicina all'obiettivo stabilito dalla Federal Reserve del 2%.


Ora l'attenzione si concentrerà sugli stimoli fiscali promessi da Trump: a oggi il varo di quest'ultimi sembrano ancora lontani, e quindi la Federal Reserve aspetterà i segnali della prosecuzione della crescita economica, e forse di una ripresa dei salari, prima di alzare nuovamente i tassi nella riunione del prossimo giugno. Di fronte a questa incertezza, la Banca centrale Usa non ha toccato le stime su Pil, inflazione e disoccupazione per il 2017 e per gli anni a venire (vedi tabella), ma le ha di fatto confermate tutte.


LE STIME DELLA FED
2017 2018 2019 LUNGO PERIODO
PIL 2,1% 2,1% 1,9% 1,8%
Stima precedente 2,1% 2% 1,9% 1,8%
Disoccupazione 4,5% 4,5% 4,5% 4,7%
Stima precedente 4,5% 4,5% 4,5% 4,8%
Inflazione 1,9% 2% 2% 2%
Stima precedente 1,9% 2% 2% 2%
Inflazione di fondo 1,9% 2% 2%
Stima precedente 1,8% 2% 2%
Livello medio dei tassi 1,4% 2,1% 3% 3%
Stima precedente 1,4% 2,1% 3% 3%

Anche per quanto riguarda i tassi, le prospettive sono rimaste invariate: per tutto il 2017 ci si aspetta in tutto 3 rialzi dei tassi, quindi, dopo il ritocco di ieri ci si aspetta ancora due rialzi.

A CHE LIVELLO SARANNO I TASSI NEL FUTURO?

Tassi Federal Reserve

Il grafico riporta le opinioni dei membri della Federal Reserve che decidono cosa fare con i tassi d'interesse. Ogni pallino rappresenta il livello ritenuto ideale da ciascun votante. Per il 2017, per esempio, la maggior parte delle opinioni è orientata a un livello attorno all'1,5%, il che implica ancora due rialzi quest'anno.

condividi questo articolo