News
Pil Usa: sale ma un po’ meno del previsto 2 mesi fa - venerdì 28 luglio 2017
Delude, anche se non di molto, il dato sulla crescita a stelle e strisce pubblicato oggi.

Dato attuale: +2,6%
Attese: +2,7%
Periodo di riferimento: secondo trimestre 2017
Dato precedente: +1,2% (primo trimestre 2017)

 

Anche se in netta accelerazione, il dato sul Pil Usa pubblicato oggi non ha centrato pienamente le aspettative del mercato. La crescita, pari al 2,6%, è più che doppia rispetto al primo trimestre, ma il mercato scommetteva su qualcosina di più, il 2,7%.

Nota positiva, il fatto che i consumi sono saliti del 2,8%, rispetto al +1,9% del primo trimestre.

 

PIL: PER SAPERNE DI PIÙ

Descrizione. È l’indice della ricchezza prodotta da una nazione e rappresenta la misura fondamentale dell’andamento dell’attività economica: una crescita del Pil equivale infatti a una espansione economica, una sua riduzione, a una sua contrazione. Misura il potere di acquisto disponibile di un’economia, la sua competitività a livello internazionale. Una crescita del Pil maggiore del previsto può stimolare le Borse, viceversa una crescita inferiore al previsto le può deprimere.

Punti di forza. È una sintesi della situazione dell’economia nazionale ed è strettamente connesso ad altri indicatori macroeconomici come l’occupazione, la produttività, la produzione industriale...

Punti di debolezza. I dati sono solo su base trimestrale, e una prima stima del Pil è disponibile solo un mese dopo il trimestre di riferimento. Il Pil non misura la qualità di vita degli abitanti di un Paese.

È in grado di influenzare i mercati? Sì, è uno dei principali indicatori in grado di influenzare le Borse e anche i mercati obbligazionari (le politiche monetarie delle Banche centrali sono legate alla crescita economica).

condividi questo articolo