News
Produzione industriale in Italia: agosto sfavillante 2 mesi fa - martedì 10 ottobre 2017

La produzione industriale italiana sale e batte le attese

Dato attuale: +1,2%
Attese: +0,1%
Periodo di riferimento: agosto 2017
Dato precedente: -0,1% (luglio 2017)

Ad agosto la produzione industriale italiana è aumentata dell'1,2% rispetto a luglio, battendo così le attese che erano per un risicato +0,1%.

Rispetto a un anno fa, invece, la crescita è del 5,7% e dunque anche in questo caso il dato superiore alle attese (+2,8%).

Per quanto riguarda i settori, i comparti che registrano la maggiore crescita tendenziale sono quelli della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+22,2%), dell'attività estrattiva (+13,6%) e delle altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine ed apparecchiature (+10,0%). I maggiori cali si sono avuti nei settori della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (-7,3%), della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-5,1%) e della fabbricazione di mezzi di trasporto (-1,3%).

PRODUZIONE INDUSTRIALE: SAPERNE DI PIÙ
Descrizione. Indica la variazione delle quantità di beni e di energia prodotti sia per il consumo interno sia per le esportazioni.
Punti di forza. È considerato un buon indicatore dello stato di salute dell’economia.
Punti di debolezza. L’effetto “anticipatore” è molto attenuato dal fatto che il dato non è particolarmente tempestivo (è pubblicato oltre un mese dopo il periodo di riferimento).
È in grado di influenzare i mercati? Sì. Innanzitutto perché fornisce un’idea dello stato dell’economia senza attendere i dati sul Pil (la ricchezza complessivamente prodotta da un Paese). Inoltre, il rapporto tra la produzione industriale e il livello della capacità produttiva (rapporto indicato come grado di utilizzo della capacità produttiva) è considerato un buon indicatore delle future dinamiche inflazionistiche.

condividi questo articolo