News

Produzione industriale in Italia: un aprile deludente

6 mesi fa - lunedì 11 giugno 2018
La produzione industriale italiana ha subito una brusca frenata a aprile

Dato attuale: -1,2%
Attese: -0,6%
Periodo di riferimento: aprile 2018
Dato precedente: +1,2% (marzo 2018) 

Ad aprile la produzione industriale italiana è calata dell’1,2% rispetto a marzo, deludendo così, e di molto, le attese (-0,6%). 

A livello annuale, invece, il dato fa segnare una crescita dell’1,9%, ma anche in questo caso si tratta di un dato sotto le attese, che erano per un +3,4%. 

Quanto ai settori, quelli che registrano la maggiore crescita su base annuale sono quelli della produzione di prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+11,1%), della fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (+8,3%) e della fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a (+6,8%). Le diminuzioni maggiori si sono invece registrate nell’industria del legno, della carta e stampa (-4,1%), della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (-4,0%) e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (-1,9%).

PRODUZIONE INDUSTRIALE: SAPERNE DI PIÙ
Descrizione. Indica la variazione delle quantità di beni e di energia prodotti sia per il consumo interno sia per le esportazioni.
Punti di forza. È considerato un buon indicatore dello stato di salute dell’economia.
Punti di debolezza. L’effetto “anticipatore” è molto atte-nuato dal fatto che il dato non è particolarmente tempe-stivo (è pubblicato oltre un mese dopo il periodo di riferi-mento).
È in grado di influenzare i mercati? Sì. Innanzitutto per-ché fornisce un’idea dello stato dell’economia senza at-tendere i dati sul Pil (la ricchezza complessivamente pro-dotta da un Paese). Inoltre, il rapporto tra la produzione industriale e il livello della capacità produttiva (rapporto indicato come grado di utilizzo della capacità produttiva) è considerato un buon indicatore delle future dinamiche inflazionistiche.

condividi questo articolo