Tutto quello che devi sapere sul Pac

Tutto quello che devi sapere sul Piano di accumulo di capitale (Pac)

Cos’è il Pac?

Il termine Pac è l’acronimo di Piano di accumulo del capitale. Si tratta di un investimento basato sull’acquisto di quote di fondi comuni di investimento o Etf, effettuata mediante versamenti periodici.

Differenze tra Pac e Pic

Pic è l’acronimo di Programma di investimento del capitale. Al contrario della modalità Pac, che prevede l’acquisto di quote di fondi comuni a più riprese, quando si decide di investire tramite Pic, si versa il denaro in un'unica soluzione e il capitale da destinare ai fondi viene investito tutto in una volta. La quota acquistata nei vari fondi avrà quindi un unico prezzo. In genere i Pic hanno costi inferiori ai Pac. Spesso sono esenti o hanno spese fisse più contenute. Quando invece compri un Pac, invece, fai più acquisti nel corso del tempo, il capitale è investito a più riprese, per cui, ogni acquisto è contrassegnato da un prezzo diverso e ti permette di mitigare il rischio legato all’acquisto, in particolare in caso di mercati volatili, spalmandolo su un periodo più lungo. Inoltre, in genere, l’importo minimo per ogni acquisto per i Pac può anche essere molto contenuto, e ciò ha il vantaggio di rendere accessibile l’investimento in questi strumenti anche a chi non dispone di grandi capitali.

Come funziona nella pratica l’investimento mediante Pac?

Come anticipato prima, investendo tramite un Piano d’accumulo di capitale il risparmiatore può accedere all'investimento attraverso versamenti periodici di capitale. Nella pratica l’investitore apporta all’investimento somme costanti, a scadenze regolari e per un periodo di durata del piano che può essere predeterminata, per acquistare (o sottoscrivere nel caso di un fondo) una quantità di strumenti che sarà quindi diversa ad ogni versamento. Spesso, però, la durata del Pac è flessibile e lasciata alla scelta del singolo risparmiatore. La scelta del prodotto in cui investire va fatta, naturalmente, partendo dal profilo di rischio del risparmiatore e dal suo orizzonte temporale.

Il capitale investito mediante il Pac, in termini complessivi, cresce in modo graduale nel tempo.

Tra i vantaggi del Pac c’è, come detto prima, c’è la possibilità di diluire gli acquisti su durate temporali piuttosto lunghe e, quindi, di distribuirli in quasi tutte le condizioni di mercato; un altro vantaggio è quello di “costringere” l’investitore all’accantonamento di una somma in modo costante, eliminando quella componente psicologica ed emotiva che spinge gli investitori a comprare uno strumento quando sale, e a venderlo quando scende, basandosi anche sui rendimenti passati.

 

Come si scelgono i Pac?

Le decisioni di investimento tramite Pac vanno prese esattamente seguendo gli stessi criteri che governano le scelte di investimento mediante altri prodotti. Innanzitutto, consapevole del rischio che ti senti di correre, dopo aver deciso per quanto tempo puoi tenere il tuo denaro investito, devi far riferimento al portafoglio in cui ti riconosci, vedi qui. Una volta determinato questo, ti basta consultare il nostro sito per individuare i prodotti giusti per. Li trovi, molto semplicemente, scorrendo la pagina.

 

Come si investe sul Pac in fondi comuni?

Investire in fondi comuni tramite un Pac è semplice. Si può fare attraverso la propria banca, scegliendo tra i prodotti distribuiti dal tuo intermediario e decidendo la periodicità dei versamenti e il loro importo. Oppure, ci si può rivolgere a una vetrina di fondi online, come, per esempio Fundstore e Onlinesim. La differenza sta spesso nei costi, più vantaggiosi per l’acquisto tramite vetrina, e nel catalogo di prodotti a tua disposizione. Una volta sottoscritto, non dovrai fare più nulla. Il versamento dal tuo conto corrente al Pac avverrà in automatico.

 

Come si fa un Pac su un Etf?

Più complessa è la gestione di un Pac costruito scegliendo di investire periodicamente cifre contenute su uno o più Etf. In questo caso, dopo aver individuato i prodotti su cui vuoi puntare, devi essere molto disciplinato e ricordarti, ogni mese, di fare il bonifico. Sulla convenienza di questo tipo di investimento incidono anche i costi. Quello del bonifico, se la tua banca lo applica, e le commissioni per l’acquisto. Se sono fisse possono incidere, e anche molto, in percentuale, sul rendimento del tuo investimento.

;