News

Tutti i trucchi per risparmiare comprando fondi ed Etf

12 giorni fa - venerdì 8 febbraio 2019
Vuoi comprare un fondo, ma non sai come fare? Hai deciso di investire in Etf, ma temi che la tua banca sia troppo esosa? Qui trovi tutti i trucchi per non farti spennare.

Per comprare un fondo comune o un Etf devi conoscere, oltre naturalmente al nome, anche il codice Isin, che identifica univocamente ogni prodotto. Puoi far riferimento a quello che indichiamo sulla rivista, o sul nostro sito (vedi qui.)

 

Fondi: occhio alla classe e scegli una piattaforma online

Non solo: dato che il diavolo si nasconde nei particolari, in fase di acquisto di un fondo comune devi far attenzione anche a un’altra cosa, a comprare il fondo nella classe che ti consigliamo – vedi a lato – espressa da una lettera alla fine del nome. Spesso i fondi comuni sono commercializzati in classi diverse tra loro, caratterizzate da costi diversi. Facciamo un esempio. Del fondo Vontobel Global Equity Usd noi ti consigliamo la classe B. Sul mercato, però, ne esistono anche altre, come per esempio la C (Isin LU0218910965), che ha costi più elevati (Ter pari al 2,64% e commissioni di gestione, da foglio informativo, pari al 2,25%, contro un Ter pari al 2,04% e commissioni di gestione dell’1,65% di quella che ti consigliamo noi).

Le diverse classi di un fondo comune, contrassegnate spesso da una lettera dell’alfabeto, identificano lo stesso prodotto, venduto però con commissioni diverse, attraverso canali diversi e talvolta a investitori diversi. Per esempio, spesso gli investitori istituzionali hanno trattamenti preferenziali, legati agli elevati volumi contrattati, e la classe a loro dedicata ha costi inferiori.

Ora non ti resta che comprare il fondo dall’intermediario che ti applica costi più bassi. Una regola generale: le banche nella maggior parte dei casi propongono l’acquisto dei “loro” prodotti, una selezione spesso ristretta e a costi da “boutique”. Se vuoi una scelta più ampia e costi più bassi non ti resta che rivolgerti a un supermercato di fondi, per esempio Onlinesim (www.onlinesim.it; 800/097.097) o Fundstore (www.fundstore.it; 055/24.63.400). Con Fundstore, poi, abbiamo un accordo che ti garantisce condizioni preferenziali, vedi sotto. Infine: occhio ai Pac, in genere sono più costosi dell’investimento in una sola soluzione.

Ti sconsigliamo in genere di sottoscrivere un Pac, perché più costoso. Se proprio vuoi farlo, scegli Directa e opta per la formulazione con commissioni variabili, che con un minimo di 1 euro per ogni acquisto è oggi l’intermediario più conveniente.

Con Fundstore via il bollo!

Fino al 10/05/2023 Fundstore si farà carico del costo dell’imposta di bollo per tutte le posizioni giacenza media annua uguale o superiore a € 10.000, con un massimo dello 0,2%. Lo sconto sull’imposta di bollo verrà garantito fino a un importo massimo di rimborso di 1.000 euro a dossier. Vedi qui  per maggiori dettagli.

 

Etf: ecco dove costa meno comprarli

Su Fundstore, però, gli Etf non si possono comprare. E allora? Allora non ti resta che comprarli attraverso la tua banca, come compri una normale azione. Per aiutarti a trovare le condizioni migliori sul mercato abbiamo setacciato quelle applicate da oltre 250 conti correnti. Nella tabella abbiamo raccolto le migliori per acquistare Etf sul mercato italiano online. Usala per cambiare banca, oppure per contrattare condizioni migliori di acquisto con la tua banca, chiedendole uno sconto su quelle che ti fa pagare oggi. Trovi la tabella divisa in due, tra commissioni fisse e commissioni variabili. Scegliere l’una o l’altra versione dipende dal numero di acquisti che fai e dall’importo: se investi con elevata frequenza, in genere le commissioni variabili sono più convenienti, mentre se fai pochi acquisti, ti conviene quella fissa. E per tenere d’occhio il tuo acquisto? Vai qui sul sito, dove puoi monitorare consigli e rendimenti aggiornati quotidianamente. 

 

Comprare gli Etf spendendo meno

Banca

Dettaglio

Massimo complessivo

Commissione fissa

Directa (1)

5 euro

5 euro

BinckBank N.V. (2)

11 euro

11 euro

Intesa Sanpaolo (3)

8,5 + 0,5 (comunicazione eseguito online) + 2,5 commissione Banca IMI

11,5 euro

Commissione variabile

Directa (4)

0.19% (min 1 - max 18 euro)

18 euro

BinckBank N.V. (5)

0.17% (min 2.5 - max 17.5 euro)

17 euro

Intesa Sanpaolo

0,24% (min 3,5 Euro) + 0,5 (comunicazione eseguito online) + 2,5 comm. Banca IMI

27 euro

Intesa Sanpaolo (6)

0,18% (min 1,5; max 18) + 0.5 (comunicazione eseguito online) + 2.5 commissione Banca IMI

21 euro

Unicredit

0,25% (min. 11.5 euro) + 4 comm. eseguito + 0,03 comunicazione online

29,03 euro

Unicredit (7)

0,25% (min. 11.5 euro) + 4 comm. eseguito + 0,03 comunicazione online

23,22 euro

Unicredit

0,25% (min.11,5 euro) + 4 comm. eseguito + 0,03 comunicazione online

20,32 euro

Condizioni al 4/02/2019. (1) "MTA fisso". (2) "Profilo Fisso Italia". (3) "Trading+ Flat", il canone dell'opzione “Trading+” è 25 Euro al mese. (4) "MTA proporzionale" - il minimo salirà a 1,5 euro dal 18/3/ 2019. (5) "Variabile Mini Trader Italia". (6) "Trading+ Permillare", il canone dell'opzione Trading+ è 25 Euro/mese. (7) Attivando "Modulo Investimento Gold" hai uno sconto del 20% sulle commissioni operazioni online. Il è pari a 4 Euro al mese (5 dall’1/4/2019). (8) Attivando "Modulo Investimento Platinum" hai uno sconto del 30% su commissioni operazioni online. Il costo è 6 euro al mese (7 dall’1/4/2019). Abbiamo setacciato oltre 250 conti correnti, trovi tutte le condizioni di tutti qui. 

condividi questo articolo