Risposte Per Te Direttore
Andare all'estero 3 mesi fa - venerdì 15 giugno 2018
Sarebbe utile avere a disposizione un piano B e un piano C per i nostri risparmi, ovvero un conto all’estero.
 
Piano B: Conto all’estero con residenza in Italia
Avete fatto un articolo in merito nel 2012, 
https://www.altroconsumo.it/finanza/investire/mercati-e-valute/analisi/2012/07/che-cosa-fare-se-crolla-lintero-sistema-finanziario
che richiede almeno aggiornamenti alla situazione attuale
Il conto, però, va scelto in grado di avere in modo conveniente una minima gestione di compravendita finanziaria di lungo periodo fatta di:
. etf azionari globali tipo iShares Msci World 
. etf obbligazionari globali tipo Pimco short term HY corp bnd
. accessibilità operativa via internet
. esente per i residenti esteri da tassazione in loco di cedole e compravendita ETF (per evitare doppia tassazione con la dichiarazione in Italia)
Potrebbero essere convenienti conti trading a base estera come Binck in Belgio/Olanda o Interactive Brokers?
 
Piano C: Conto e residenza all’estero
E se uno (avendo già una certa età come me) puntasse a trasferirsi all’estero, compresa residenza, dove converrebbe andare partendo dall’obiettivo di vivere di rendita finanziaria e di avere a disposizione un conto conveniente e un trattamento fiscale conveniente? ho letto che in Belgio non vengono tassate le rendite finanziarie sui risparmi, mentre in Portogallo c’è una esenzione fiscale per 10 anni.
Avete fatto un articolo recente in:
https://www.altroconsumo.it/finanza/investire/investimenti-alternativi/ultime-notizie/2017/12/guadagnare-stando-in-ferie-tutto-lanno
però mirato più alla pensione (che non ho ancora e nel mio caso non sarà rilevante) che non alla rendita finanziaria-
 
 
 
 
 

Contenuti premium, riservati agli abbonati

1 mese gratuito!