News

Copyright. La nuova legge francese contro l'Europa

01 luglio 2009

01 luglio 2009
Esclusione automatica dalla rete, senza nemmeno passare dal giudice, per i navigatori sospettati di aver scaricato da internet film e canzoni protette dal diritto d'autore. Lo prevede la nuova legge approvata dal Parlamento francese e fortemente voluta dal presidente Sarkozy. La Francia sceglie dunque il pugno duro con chi viene sospettato di ledere il copyright. Questo atteggiamento mette i Transalpini contro l'Europa. Il Parlamento comunitario, rigettando il cosiddetto "pacchetto telecomunicazioni", ha infatti ribadito che si può tagliare l'accesso a internet solo dietro decisione di un giudice. Rifacendosi alla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, Bruxelles ha riconosciuto l'accesso alla rete come uno di questi diritti del cittadino.
In questa battaglia, noi stiamo dalla parte dell'Unione: già nei mesi scorsi avevamo scritto una lettera al Parlamento comunitario nella quale chiedevamo il diritto al giusto processo anche per chi si suppone abbia violato il diritto d'autore. La cieca repressione va esattamente all'opposto di una riforma delle leggi sul copyright che rispetti la creatività e l'innovazione.

Stampa Invia