News

Dialer 899, attenti a quei numeri

01 novembre 2009

01 novembre 2009

Bollette alle stelle per chiamate mai effettuate. Colpa dei dialer, file-truffa che si insinuano nel pc e deviano le chiamate.
Il conto esorbitante è dunque da attribuire a una truffa informatica. Un fenomeno che colpisce in modo subdolo gli ignari consumatori, deviando la connessione internet verso numerazioni "a valore aggiunto", ovvero i famigerati 899, 892 e così via.

Di cosa si tratta
Il dialer è un file con estensione .exe che, a insaputa dell'utente, durante la navigazione nel web si installa nell'hard disk del pc ed è in grado di deviare le chiamate della connessione. Per un utente distratto, è facile incappare in questi programmi: di solito, infatti, l'installazione è preceduta da una finestra di dialogo che invita ad accettare il download di un programma. Se non siete sicuri di quello che state scaricando rifiutate sempre l'operazione. Se, invece, siete già rimasti vittima della truffa, la prima cosa da fare è presentare una denuncia, preferibilmente alla polizia postale.

Il reclamo all'operatore
Una volta presentata la denuncia, va fatto il reclamo alla società di telefonia con cui avete sottoscritto il contratto, contestando l'importo della bolletta entro il termine di scadenza della stessa e chiedendo lo storno degli importi addebitati per chiamate mai effettuate. Alla richiesta, inviata con lettera raccomandata a/r, va allegata anche copia della denuncia. Se il reclamo viene accolto e il consumatore ha già pagato, oltre al rimborso dei soldi ingiustamente versati e agli interessi su tale somma, ha diritto anche al risarcimento per il danno eventualmente subito. Quando il reclamo non è accolto si può tentare con la conciliazione o ricorrere alla giustizia ordinaria.

Per difendersi cautela e disattivazione dei numeri speciali
Il rischio di incappare in questa che è una vera e propria truffa è tornato ad essere più concreto dopo che prima il Tar e poi, nel luglio scorso, il Consiglio di Stato hanno annullato il provvedimento che bloccava le numerazioni a pagamento come l'899 o l'892, preso dall'Agcom nel 2008. Per difendersi, oltre a fare attenzione a cosa si accetta durante una connessione a internet, consigliamo di chiedere al proprio operatore telefonico la disattivazione di tutte le numerazioni speciali.


Stampa Invia