News

Attenzione a Rombertik, l'ultimo virus "kamikaze"

08 maggio 2015
rombertik

08 maggio 2015

L'ultimo virus che minaccia la sicurezza dei nostri dati e del nostro computer si chiama Rombertik. Mira alle password digitate sui browser ed è talmente aggressivo da prevedere anche un piano B, nel caso in cui non andasse a buon fine quello principale. In attesa di aggiornementi, meglio essere prudenti.

In queste ultime ore è scattato l’allarme per l’arrivo di un nuovo e pericoloso virus chimato Rombertik. Si tratta di un virus progettato per rubare i dati sensibili (credenziali e password) immessi nei browser ma, a differenza di altri malware analoghi, non si limita ad agire di nascosto. Nell’ipotesi, infatti, che un antivirus riesca ad individuarlo, scatta l'attacco di Romberick: disco rigido e PC vengono immediatamente messi fuori uso. 

Il virus ha anche un piano B

Il virus è così aggressivo che prevede anche un “piano B”: se non dovesse riuscire a portare a termine i suoi propositi, è disponibile un secondo meccanismo che renderebbe i file dell’utente illeggibili. Rombertik è un virus estremamente sofisticato che utilizza tecniche simili a quelle degli stessi antivirus per poter agire indisturbato. Si propaga attraverso allegati di mail realizzati in modo da sembrare innocui. Una volta infettato il computer, Rombertik è in grado di spiare l’utente quando usa Explorer, Firefox o Chrome intercettando e ritrasmettendo tutte le password immesse ai creatori del virus.

Sempre meglio essere prudenti

Gli esperti sono già al lavoro per trovare una soluzione a questo nuovo malware particolarmente ‘combattivo’. Nell’attesa che gli antivirus si aggiornino per gestire questa nuova minaccia, ti raccomandiamo come sempre di mantenere un comportamento prudente: verifica bene il mittente delle mail e non aprire allegati che arrivano da indirizzi non conosciuti, nemmeno se possono sembrare plausibili. 

Qual è l'antivirus più affidabile?

Scopri qual è l'antivirus più sicuro per proteggere i tuoi dati e il tuo computer. Abbiamo messo alla prova i più diffusi.

Confronta gli antivirus



Stampa Invia