News

La nuova Nintendo 3DS sotto la lente

17 marzo 2015
nintendo 3ds

17 marzo 2015

Nonostante le dimensioni siano simili rispetto ai modelli precedenti, la nuova Nintendo 3DS introduce qualche novità. Migliorano le prestazioni della batteria, sono stati aggiunti due pulsanti dorsali e, grazie alla tecnologia face-tracking, la miglior qualità dello schermo è garantita. Ma vale davvero la pena acquistarla? Le nostre impressioni.

A distanza di quattro anni dal primo modello, Nintendo ha da poco lanciato sul mercato la nuova console Nintendo 3DS, disponibile sia in versione standard che XL. Chiariamo subito che, dal punto di vista estetico, i nuovi Nintendo 3DS hanno dimensioni piuttosto simili a quelle dei modelli precedenti. Alcuni cambiamenti, però, ci sono stati. La porta per l'inserimento della cartuccia adesso è stata spostata verso la parte anteriore della console. Il pulsante di avvio e quello del menu non sono più nascosti vicino al pulsante home sotto lo schermo, ma sono stati posizionati sul lato. Anche il pulsante di accensione è stato spostato e adesso si trova sulla parte anteriore dello schermo, in una posizione piuttosto scomoda. 

Nuovi pulsanti e le altre migliorie

La novità più importante del nuovo Nintendo 3DS è l'introduzione di altri due pulsanti dorsali (ZL/ZR posizionati tra gli altri due) e una leva analogica secondaria. Questa è posizionata sulla parte destra della console, sopra il cursore di selezione a croce ed è notevolmente più piccola rispetto alla leva di sinistra. Ricorda un po' i puntatori integrati in alcuni computer portatili, utilizzati in alternativa al touchpad. Gli altri miglioramenti riguardano la maggiore durata della batteria, la compatibilità con le schede microSD, il supporto HTML5 per il browser web (utile soprattutto per i video), più filtri per gli utenti più giovani, la possibilità di eseguire il backup dei dati su un pc via Wi-fi e cover personalizzabili.

Penalizzati i vecchi giochi

I nuovi comandi devono essere specificamente supportati dal software, perciò non tutti i vecchi giochi potranno utilizzarli. I primi giochi progettati per sfruttare al massimo le potenzialità dei nuovi comandi sono Monster Hunter 4 e un remake di Zelda: Majora's Mask. I nuovi pulsanti dorsali sono distanziati a sufficienza in maniera tale che le dita riescano a utilizzarli facilmente. È difficile premerli per sbaglio durante l'utilizzo. Il nuovo controller analogico ha una finitura in gomma che offre una presa migliore, anche se la sua posizione risulta un po' scomoda perché chiusa tra il pulsante X e la giuntura dello schermo. Questo potrebbe rappresentare un problema nel caso di utilizzatori con i pollici particolarmente grossi.

Con il face-tracking il miglior effetto è garantito

Gli schermi sono molto simili in termini di qualità e di percezione rispetto a quelli dei modelli precedenti. la novità è che l'ultimo Nintendo 3DS utilizza la tecnologia face-tracking per regolare automaticamente lo schermo autostereoscopico e garantire sempre il miglior effetto all'utilizzatore. In definitiva possiamo dire che la nuova console è un buon prodotto, così come lo erano i suoi predecessori. Forse non vale la pena comprarla se si possiede già uno dei precedenti modelli di 3DS, a meno che non si voglia passare dal modello standard a quello XL.