Consigli

I problemi di Centax

01 settembre 2009

01 settembre 2009
Boober potrà continuare a operare o no? È difficile dare una risposta a questa domanda. Il caso Boober, scoppiato il 14 luglio scorso, è però profondamente diverso da quello Zopa, perché non coinvolge l’attività di prestito online, ma quella della società che controlla il sito, e cioè Centax.
Quest’ultima è stata cancellata dall’elenco degli intermediari finanziari da Bankitalia, ma non ha ancora ricevuto la notifica del provvedimento. Centax si occupa di garantire gli assegni usati dai clienti per pagare gli acquisti nei negozi commerciali. Secondo via Nazionale, presta fideiussioni a garanzia degli assegni e dovrebbe avere un patrimonio più elevato di quello attuale per poter operare.

Il caso è ancora aperto
Non sappiamo ancora come si potrà evolvere la vicenda e quali saranno i riflessi su Boober. Mentre stavamo chiudendo questo articolo, l'ufficio stampa ci ha comunicato che il Tar ha sospeso il decreto di cancellazione di Centax: sul sito comunque sono sospese le nuove registrazioni e attivazioni, mentre chi era iscritto alla data del 27 luglio può continuare a operare. Boober rimane in attesa della sentenza del Tar.