News

Acquisti online recesso senza spese

01 settembre 2010
acquisti online recesso

01 settembre 2010

Niente spese per il consumatore che decide di esercitare il diritto di recesso da un acquisto effettuato via internet. È quanto prescrive la sentenza della Corte di giustizia della Comunità europea. In pratica, se dopo aver effettuato un acquisto a distanza e dopo aver ricevuto l'articolo a casa si decide di restituirlo al venditore, quest'ultimo dovrà rimborsare all'acquirente non solo il valore dell'oggetto acquistato, ma anche la somma versata dal consumatore per pagare le spese di invio a domicilio della merce.

Comprare via internet negli Usa
È ormai abbastanza frequente l'acquisto di libri, cd musicali, prodotti elettronici e abiti anche sui siti statunitensi. Questi acquisti possono essere convenienti quando il cambio è favorevole o nel caso il prodotto non sia reperibile in Italia, ma bisogna sempre tenere presente che i tempi di consegna possono essere lunghi e ci sono costi di spedizione più alti, ammortizzabili solamente comprando più prodotti da uno stesso sito e chiedendo un'unica spedizione.
Un occhio di riguardo soprattutto ai dazi doganali applicati sui pacchi controllati a campione. Prima di gettarsi nell'acquisto, ricordatevi quindi di considerare che al costo del prodotto bisogna aggiungere il Vat, cioè l'imposta sul valore prevista per lo Stato in cui si acquista.
L'incognita dipende dal fatto che non sempre il pacco viene controllato in dogana e il calcolo del dazio è complesso perché dipende dalla classificazione merceologica. Insomma, bisogna fare bene i conti ed essere pronti a sborsare qualcosa in più rispetto al prezzo pubblicizzato.

Recesso senza spese: i siti del test

  • www.bow.it
  • www.centracquisti.it
  • www.chi.it
  • www.eprice.it
  • www.epto.it
  • www.euronics.it
  • www.factotus.it
  • www.gruppocomet.it
  • www.mediaworld.it
  • www.misco.it
  • www.misterprice.it
  • www.monclick.it
  • www.pixmania.it
  • www.unieuro.it

Stampa Invia