News

Ascoltare musica online

01 gennaio 2010
musica online

01 gennaio 2010

Abbiamo messo alla prova 12 siti e due programmi da scaricare per ascoltare gratuitamente musica online. Molto variabili i risultati.

Alla prova Blip.fm, Youtube, Goear e gli altri
Tra i siti e i programmi, la differenza principale è che i secondi vanno installati sul Pc e quindi vincolano l'utente all'uso sul computer dove sono stati scaricati.

Abbiamo messo alla prova i siti di musica online e i programmi da molti punti di vista.

  • Lingua. La maggior parte sono in inglese, ma il loro uso base è molto intuitivo.
  • Catalogo. Alcuni siti, che hanno meritato un giudizio ottimo, hanno un catalogo di una vastità impressionante. Alcuni, però, offrono una notevole percentuale di brani limitati a una lunghezza di 30". Altri mescolano alle canzoni originali una quantità eccessiva di cover: cerchi una canzone, poniamo, di Vasco Rossi, e ne trovi trenta versioni cantate da sconosciuti.
  • Qualità audio. Per valutarla, ci siamo rivolti allo stesso laboratorio che valuta i lettori mp3. Se alcuni siti hanno una qualità pari a quella di un cd, altri hanno una qualità assai incostante. Abbiamo dato un giudizio negativo ai siti su cui troppi brani si sentono male, ma anche a quelli troppo lenti.
  • Semplicità d'uso. Comprende tra l'altro, un giudizio sull'aspetto dei vari siti, su come sia facile orientarsi in essi e su quanto sia invasiva la pubblicità.

I siti di musica online aiutano a socializzare?
Abbiamo tra l'altro valutato le funzioni che spingono gli utenti a interagire tra loro, per esempio la possibilità di pubblicare su Facebook o Twitter i link alle canzoni in ascolto. Molti siti hanno anche altre funzioni interessanti: per esempio caricare sul sito la propria musica, per poi ascoltarla da qualsiasi pc collegato alla rete. Oppure molte informazioni sulla musica in ascolto, inclusi i testi.

Siti di musica online non accessibili dall'Italia
Peccato che alcuni dei siti migliori non siano accessibili ai navigatori italiani, in un caso i navigatori italiani sono gli unici a essere tagliati fuori in Europa. Un problema di licenze o di scelte commerciali, che si traduce in un danno per gli utenti, ma anche per gli artisti.

I siti/programmi dell'inchiesta
  • Siti:
    1. blip.fm
    2. hypem.com
    3. jukefly.com
    4. muziic.com
    5. songza.fm
    6. streamdrag.com
    7. tinysong.com
    8. www.boostermp3.com
    9. www.dada.it
    10. www.deezer.com
    11. www.goear.com
    12. www.youtube.com
  • Programmi:
    1. groove-walrus.turnip-town.net/dru/
    2. www.moovida.com
  • Siti non accessibili dall'Italia:
    1. www.grooveshark.com
    2. spotify.com

Stampa Invia