News

Internet e minori

01 luglio 2010
Internet e minori

01 luglio 2010

Il 51% dei ragazzini tra i 12 e i 14 anni naviga in internet tutti i giorni, il 76% frequenta la chat, il 74% condivide musica o video. I ragazzi, insomma, sbarcano in massa sulla rete già da giovanissimi. Ma c'è da fidarsi a lasciarli navigare "in solitaria"?

Ragazzi sul Web: come difendersi dalle brutte sorprese
Ecco le principali contromisure per proteggere i vostri figli da contenuti inappropriati e dalle truffe finanziarie.

  • Al di là del generico consiglio di cestinare immediatamente tutti i messaggi di posta che provengono da mittenti sconosciuti, è meglio che almeno fino ai 12 anni la casella email non sia personale. Apritene voi una per vostro figlio e condividetene la password per poterne monitorare i contenuti.
  • Spiegate ai vostri figli che non bisogna mai rispondere a messaggi provenienti da una banca o dalle Poste: nessun istituto finanziario chiede dati ai propri correntisti via email. In ogni caso i ragazzi non devono conoscere password, numeri di carta di credito e codici di accesso ai conti dei genitori. Questo significa anche che non dovete lasciare questi documenti in giro per casa: teneteli sempre al sicuro.
  • I vostri figli praticano lo scambio di file con il peer-to-peer? Molto spesso dietro a titoli apparentemente innocui, magari dell'ultimo blockbuster cinematografico, si nasconde materiale pornografico o comunque inadatto ai giovanissimi. Controllate quello che i vostri figli scaricano.
  • Potete infine usare gli appositi filtri per proteggere la navigazione dei ragazzi, ma dovete essere consapevoli che questi non sono efficaci al 100 per cento. L'unico modo per avere un controllo reale su ciò che i vostri figli fanno quando sono online consiste nel tenere il pc in una stanza comune o di passaggio, in modo che possiate dare un'occhiata,

Stampa Invia