News

Roma, passaggio al digitale parlano i cittadini. Guarda il video

17 novembre 2009

17 novembre 2009

A Roma la rivoluzione televisiva è arrivata. E con sé ha portato sicuramente benefici, ma anche molti disagi.

A Roma la rivoluzione televisiva è arrivata. E con sé ha portato sicuramente benefici, ma anche molti disagi. Soprattutto ai cittadini, che dopo l'atteso passaggio dall'analogico al digitale, fanno ora i conti con canali da risincronizzare, black out totali o parziali, decoder che fanno le bizze.

Parlano i cittadini
Molte le segnalazioni che ci sono giunte dalla capitale, dove evidentemente, nonostante le rassicurazioni, l'evento non è stato indolore.

  • "Alle 10 (orario dello switch off, ndr) di lunedì 16 - racconta Arianna P. - non funzionava più nulla, nonostante avessi già installato il decoder da tempo. Ho rifatto la sintonizzazione, ma ho avuto ancora problemi, soprattutto con i canali nuovi tipo RaiSport, RaiStoria. Meglio con i 7 canali tradizionali".
  • Una vera e propria odissea per Laura C. che è rimasta un intero giorno senza tv: solo in serata, come per magia, è riuscita a captare Raitre su un apparecchio, mentre l'altro nonostante decine di tentativi continuava a dare il messaggio "segnale assente". E anche la telefonata al numero verde predisposto dal ministero delle Comunicazioni non ha avuto l'esito sperato: "Sono stati molto scortesi - racconta -. A mia madre, con aria di supponenza, un'operatrice ha detto: << Signora, ma lei non li guarda i telegiornali? Non ha sentito che la situazione a Roma è così?>> . Ma dove avrebbe dovuto vedere il telegiornale visto che non riesce a vedere la tv?"
  • Anselmo S. ha solo dovuto procedere alla sintonizzazione automatica, ma la sua dose di problemi l'aveva avuto nei giorni scorsi. "Forse si stavano preparando al passaggio, ma a casa abbiamo avuto la tv oscurata per dieci giorni…".
  • Non è andata meglio a chi ha rimandato fino alla fine il problema e si è trovato l'ultimo giorno a fare la fila nei negozi, come Federico M.: "Due ore per comprare un televisore nuovo con digitale terrestre incluso, insieme a decine di persone che come me non avevano provveduto per tempo e un solo commesso a disposizione… un delirio!".
  • E c'è chi alla fine ha preso decisioni radicali come Irene F. e Maria Luisa P. che, almeno per il momento, hanno deciso di dire addio al piccolo schermo, Fabrizio R. ("Mi sa che smetto di vedere la tv e vado più al cinema!") o Denise F. che sul suo profilo di Facebook fa sapere che è "analogica e felice".

Stampa Invia