News

Macchine fotografiche

01 marzo 2009

01 marzo 2009

Alla prova 38 macchine fotografiche. Si può trovare un buon modello base da 149 euro. Le funzioni in più si pagano. Con 219 euro comprate un apparecchio sofisticato.

Macchine fotografiche: a ciascuno la sua
Due categorie di macchine fotografiche (modelli base e modelli avanzati), per andare incontro alle esigenze di tutti: ecco la principale novità di questo test. La divisione di quest'anno è stata studiata considerando le funzionalità degli apparecchi, che sono stati testati anche in modo diverso: quelli base soltanto in modalità automatica; quelli avanzati, invece, anche in modalità manuale. In poche parole ogni macchina è stata sottoposta a prove specifiche in base alle proprie caratteristiche e capacità.

Il motivo è semplice: servono a scopi diversi. Chi non ha esigenze particolari può acquistare un modello base con le impostazioni automatiche, facile da usare e completo di tutte le funzioni utili per ottenere ottime foto. I fotoamatori più esperti ed esigenti, invece, possono scegliere i modelli avanzati ed effettuare anche manualmente tutte - o quasi - le regolazioni necessarie per scattare foto di qualità.

Caratteristiche speciali alla prova
Lo scopo era liberarci dai terribili appelli come"Dite cheese" o "Sorridi", ma non è detto che questa funzione ci riesca. La Smile detection, inserita tra le funzioni della macchina fotografica, dovrebbe individuare il volto del soggetto e scattare la foto solo quando la curva della bocca ha assunto la tipica posizione sorridente. Questa la teoria. Dalle nostre prove è emerso che non sempre il sorriso è sufficiente per dar vita allo scatto: alcune macchine non immortalano nemmeno il sorriso più smagliante, mentre a volte basta un'inquadratura di profilo, senza sorriso, a produrre lo scatto. In altri casi la risata deve riempire tutta l'inquadratura. Non esiste, dunque, una regola precisa: lo dimostra il fatto che nelle istruzioni non ci si sbilancia mai suggerendo indicazioni precise per la riuscita della foto. Abbiamo notato che alcune macchine realizzano l'immagine al momento sbagliato (troppo presto) o quando il sorriso è svanito: per risolvere l'inconveniente scattano a ripetizione, nella speranza di "immortalare" l'espressione sorridente. Insomma, si tratta di una funzione certo non irrinunciabile e neanche troppo attendibile. Se volete una foto in cui tutti sorridono, meglio affidarsi al caro, vecchio "cheese".

Marche del test:
  1. Canon
  2. Casio
  3. Fujifilm
  4. Kodak
  5. Nikon
  6. Olympus
  7. Panasonic
  8. Pentax
  9. Ricoh
  10. Samsung
  11. Sony

Stampa Invia