News

Compagnie telefoniche multate

24 febbraio 2009

24 febbraio 2009

L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha sanzionato le compagnie telefoniche per un totale di 2,8 milioni complessivi.


L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha sanzionato le compagnie telefoniche per un totale di 2,8 milioni complessivi. Vodafone, Telecom Italia, Opitel, Bt Italia ed Eutelia sono finite nel mirino dell'Authority per una serie di violazioni di normative a tutela dei consumatori, come portabilità dei numeri, servizi non richiesti, indici di qualità.

Portabilità, servizi non richiesti, obiettivi non raggiunti
Su portabilità e servizi non richiesti ci siamo espressi più volte, denunciando le pratiche scorrette da parte degli operatori. Lasciano molto pensare i 116 mila euro fatti pagare a Telecom per il mancato raggiungimento degli obiettivi di qualità stabiliti per l'anno 2007, "sia per quanto riguarda il tasso di malfunzionamento delle linee di accesso più alto del dovuto, sia per i tempi di riparazione dei guasti superiori a quelli previsti". La cosa strana è che proprio l'Agcom, nell'approvare l'aumento del canone, ha imposto come contropartita a Telecom di innalzare gli obiettivi di qualità del servizio. Bene, ora l'Authority si accorta che gli obiettivi non sono stati raggiunti (nel 2007) e fa pagare a Telecom l'irrisoria somma di 116 mila euro.

E l'aumento del canone?
Chi risarcisce i consumatori? E il legame fra l'aumento del canone e il miglioramento degli obiettivi di qualità? Cosa succederà quando ci si accorgerà del mancato raggiungimento anche per il 2009, come si è spesso verificato negli ultimi anni? Gli utenti volta non potranno certo essere soddisfatti dell'eventuale sanzione, già peraltro irrisoria anche negli anni scorsi. A questo punto è lecito pretendere adeguati risarcimenti.


Stampa Invia