News

Samsung Gear Fit: solo un gadget piuttosto costoso

20 luglio 2014

20 luglio 2014

Gear Fit è pubblicizza come il braccialetto intelligente di Samsung. Dal punto di vista della portabilità, grazie alle dimensioni ridotte e al desing più elegante è senz’altro meglio di uno smartwatch. Ma, dopo averlo provato, ne sconsigliamo l’acquisto: si tratta di un semplice gadget dalle funzionalità ridotte e dal prezzo abbastanza alto.

È stato presentato da Samsung come il braccialetto intelligente che sfida gli smartwatch. Lo abbiamo provato: il Gear Fit è un semplice gadget dalla dubbia utilità. Inoltre il costo oscilla tra 180 e 200 euro: troppo se confrontato con quello che offre.

Lo schermo: il punto di forza

La visibilità è eccellente e il touchscreen permette di ruotare le immagini e mostrarle sia in orizzontale che in verticale. Può essere quindi indossato sia da chi usa la mano destra che la sinistra. Al polso si adatta molto meglio di uno smartwatch, soprattutto grazie allo schermo curvo e alle dimensioni ridotte. Proprio a causa delle dimensioni ridotte, però, non è possibile avere una visione completa delle informazioni. Vengono mostrati, infatti, solo pochi caratteri di una pagina di testo.

Funzionalità limitate

Le funzionalità sono limitate e concentrate perlopiù all’ambito fitness: è possibile usarlo come contapassi o come misuratore di battiti cardiaci. Permette di tenersi in contatto con il web tramite un sistema di notifiche che funziona con e-mail, sms, Facebook e Whatsapp, ma non è possibile rispondere dal dispositivo stesso: occorre attivare lo smartphone. Inoltre, è compatibile soltanto con alcuni modelli di smartphone e tablet Samsung e ha un caricatore proprio, molto piccolo e quindi anche molto facile da perdere.

Non comprarlo, per ora

Al momento, non rientra tra i prodotti che consigliamo di acquistare. Meglio aspettare e vedere se, le versioni future, verranno arricchite da nuove funzionalità più utili.


Stampa Invia