News

Smartphone: la nostra inchiesta sulla rete 4G

19 febbraio 2013
rete 4g

19 febbraio 2013

Promette una navigazione a 100 Mbps, ma per ora arriva a 70. E funziona solo in quattro città. Una spesa (alta) che oggi non conviene a tutti gli utenti.

Navigare con un telefonino sulla rete 4G è come avere una Ferrari: un sogno impossibile per la maggior parte delle persone. E non solo per una questione di soldi: la quarta generazione di telefonia mobile non costa certo poco, ma è soprattutto la diffusione territoriale il vero ostacolo. Ma partiamo dall’inizio: la tecnologia di quarta generazione dovrebbe consentire una navigazione sul web molto veloce. Gli operatori parlano addirittura di 100 Mbps. La realtà, però, è diversa: la velocità massima a cui si può arrivare è 70 Mbps. La velocità di navigazione reale è, dunque, davvero più contenuta. E la strada per rendere accessibile a tutti le potenzialità del 4G è ancora molto lunga.
Per sapere tutto sulla rete 4G in Italia, leggi l'articolo completo con la nostra inchiesta.

Ultima generazione con limiti
Al momento in cui scriviamo sono solo due gli operatori con offerte 4G: Tim e Vodafone. Entrambe sono molto limitate dal punto di vista territoriale: la proposta di Tim si applica solo a quattro città (Milano, Roma, Napoli, Torino); quella di Vodafone a due (Milano e Roma). I servizi inclusi sono molti: si tratta naturalmente di una serie di opportunità multimediali (accesso a film, partite di calcio...) consentite dall’alta velocità di navigazione. Non cercateli dunque negli altri piani tariffari, perché non li trovereste. Nella nostra inchiesta abbiamo calcolato che in media per il 4G si spendono 30 euro al mese (chiavette, cellulari, tablet… esclusi). Un cifra piuttosto in linea con la fibra ottica. Ricordatevi però che ci sono - ad oggi - evidenti limiti nella navigazione: 20 GB al mese per Tim; 15 GB al mese per Vodafone. Un secondo punto da non sottovalutare è che per usare il 4G ci vuole anche un cellulare di quarta generazione. Che ha prezzi piuttosto elevati.

Conviene il 4G? Dipende
La nostra inchiesta mette in evidenza a chi effettivamente conviene passare al 4G. In ogni caso, va tenuto sempre presente che fuori dalle quattro città coperte, la navigazione precipita a prestazioni comuni. Che non valgono di certo la cifra che si paga per il 4G.

Stampa Invia