News

Vacanze all'estero? Telefonate meno costose

03 luglio 2013

03 luglio 2013

In vigore le nuove tariffe imposte dall’Ue per i servizi di telefonia mobile dai Paesi europei. Gli operatori si attrezzano con pacchetti ad hoc, ma non sempre convengono.

Se telefoni dall'Italia, puoi trovare il piano tariffario più adatto alle tue esigenze e che ti faccia risparmiare confrontando e scegliendo tra oltre 700 tariffe di telefonia mobile del nostro servizio. Ma se hai deciso di passare le vacanze risparmiare sulle telefonate può diventare difficile. 

Tuttavia, telefonare dagli altri Paesi dell’Unione Europea sarà meno costoso quest’estate. Dal primo luglio sono infatti entrati in vigore i nuovi tetti tariffari dell’Ue che, almeno un po’, riducono il costo tradizionalmente esorbitante di chiamate, sms e internet dall’estero. Esistono anche pacchetti, offerti dagli operatori, che si possono attivare prima di andare in vacanza. A volte convengono a volte no: i risultati sono contenuti nell'inchiesta che abbiamo appena svolto.

Le nuove tariffe

Ecco i nuovi massimali per il roaming stabiliti dalla Commissione Europea e comprensivi di Iva.
Chiamate effettuate: 29 centesimi al minuto (prima erano 29 centesimi senza Iva)
Chiamate ricevute: 8,5 centesimi al minuto
Sms: 9,7 centesimi (con il paradosso che potrebbe costare meno inviarne uno da Parigi a Roma che non da Milano a Torino, dato che in Italia la tariffa prevalente è di 15 centesimi a sms)
Internet: 54 centesimi al megabyte (erano 70 prima e senza contare l’Iva)

Aspettando la fine dell’estate

Sodisfatti di questo taglio imposto da Bruxelles, attendiamo - però - che si metta al più presto la parola “fine” al salasso che ci aspetta tutte le volte che vogliamo usare i servizi di telefonia mobile in un Paese europeo diverso dal nostro. Il roaming in Europa potrebbe essere presto un ricordo, anche se il condizionale è d’obbligo: al momento è solo nelle intenzioni della Commissione europea, che ha annunciato la presentazione di un progetto legislativo a questo scopo per dopo l’estate.


Stampa Invia