News

Vodafone cambia i piani tariffari, poche le informazioni per gli utenti

25 gennaio 2013

25 gennaio 2013

Piani tariffari modificati all'insaputa degli utenti, informati in maniera superficiale soltanto mediante sms e call center. Abbiamo richiesto l'intervento dell'Authority perché verifichi e sanzioni l'ennesimo caso di pratica commerciale scorretta nel mondo delle tariffe telefoniche. Tutto, ovviamente, a discapito dei consumatori.

Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte di consumatori che utilizzavano vecchie tariffe Vodafone non più attivabili. Gli utenti sono stati informati del cambio della propria tariffa con un semplice sms che recitava così: "dal 5/12 Vodafone aggiorna il tuo piano tariffario. Inoltre ogni domenica chiami gratis tutti i numeri. Chiama il 42593 per attivare la promo, info e recesso gratis". Le lamentele dei consumatori, giustamente, si sono concentrate sulla carente informazione da parte dell'operatore che, tra l'altro, si è preoccupato di inserire all'interno dell'sms anche un'inopportuna comunicazione di tipo commerciale.

  • Sicuro che la tua tariffa sia la più conveniente? Consulta il nostro calcolatore e scopri se c'è un operatore che ti fa risparmiare.

Anche sul sito le informazioni non sono reperibili
Reperire informazioni sulla rimodulazione in corso è risultato difficoltoso anche sul sito dell'azienda. Navigando tra le pagine, infatti, non è stato in nessun modo possibile essere correttamente informati su quali piani sono stati modificati e quali sono state le modifiche tariffarie implementate. L'unico modo per conoscere la propria situazione, a dicapito della chiarezza, è quello di iscriversi al sito di Vodafone e, quindi, consultare la propria pagina personale. Gli utenti interessati a questa variazione, perciò, sono stati informati soltanto per via verbale e solo coloro che si sono attivati chiamando il call center hanno potuto essere messi al corrente dei cambiamenti della propria tariffa. In ogni caso, anche verificare la coerenza tra il messaggio ricevuto e l'effettiva tariffa applicata è risultato pressoché impossibile. 

La nostra richiesta all'Agcm
Abbiamo chiesto l’intervento dell'Autorità garante della Concorrenza e del Mercato affinché, verificata la pratica commerciale scorretta messa in atto da Vodafone, ne inibisca la continuazione e disponga l’adozione dei provvedimenti più idonei per eliminarne gli effetti. I consumatori, infatti, non sono stati messi nelle condizioni di poter prendere una decisione adeguata riguardo una materia economicamente rilevante come la tariffa del proprio telefonino.


Stampa Invia